Nella giungla dei trasporti. Siamo sicuri di poter riaprire così?

Gabriella Cerami
·Politics reporter, L'Huffington post
·2 minuto per la lettura
Metro Roma (Photo: Cerami)
Metro Roma (Photo: Cerami)

“Direzione Laurentina. Prossimo treno tra nove minuti”, annuncia la voce dagli altoparlanti mentre una folla attende sulla banchina il passaggio della metro. C’è chi guarda l’orologio, sono le 8.20: “Così faccio tardi in ufficio”. Chi sbuffa spazientito, chi ha l’aria rassegnata: “Tanto ogni mattina è così”. Chi è in ansia: “Il Covid è qui dentro, non nei ristoranti”. C’è un po’ di tutto nel sottosuolo di Roma, dove la vita, malgrado la pandemia, non si è fermata.

Le scene sembrano essere quelle di settembre scorso, quando il Governo diceva che bisognava porre rimedio ai mezzi pubblici sovraffollati e ora, a distanza di oltre sei mesi, poco o nulla è cambiato. Siamo nella Capitale, con milioni di abitanti, ma l’allarme arriva da ogni parte d’Italia, dalle città più piccole e dai paesini mal collegati. Siamo alla vigilia della riapertura delle scuole superiori: dal 26 aprile circa 7 milioni di studenti di ogni ordine e grado siederanno tra i banchi anche nelle zone arancioni. Al ministero dei Trasporti è un susseguirsi di incontri, in questa corsa contro il tempo. Ieri è stato il turno dei sindacati, oggi dei presidenti di Regioni in allarme: “Con le dotazioni attuali non siamo in grado di dare risposta ad un’utenza riportata al 100%. I trasporti sono un problema”, dice Massimiliano Fedriga, il neo presidente della Conferenza delle Regioni, parlando a nome di tutti i territori.

MetroRoma (Photo: Cerami)
MetroRoma (Photo: Cerami)

Nell’ottobre dell’anno scorso il Governo ha destinato ai servizi aggiuntivi, quindi affitto o acquisto di nuovi bus, 300 milioni, ma di questi ne sono stati spesi solo 64, complice il lockdown. Mentre da inizio 2021 sono stati destinati, sempre ai servizi aggiuntivi, 390 milioni, come ricordato dal premier Draghi in conferenza stampa. Di questi, 195 milioni sono stati gi&agr...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.