Così la camorra controllava gli appalti della Sanità in Campania

·2 minuto per la lettura

AGI - Quarantotto indagati di cui 36 in carcere, 10 ai domiciliari e due al divieto di dimora in Campania. Sono i numeri dell'inchiesta dei pm di Napoli centrata sul cartello noto come Alleanza di Secondigliano e dei gruppi satelliti che hanno messo le mani sugli appalti della cittadella ospedaliera del capoluogo campano.

L'Alleanza, che tiene insieme più clan con la plurarità di interessi condivisi sotto l'ala dei potenti Licciardi, si esprime, così come emerso dalle indagini della Procura di Napoli, con estorsioni a tappeto, di 'sistema'. Non quelle a piccoli imprenditori e commercianti, ma quelle che fruttano un 'pizzo' a diversi zeri, che interessano grandi gruppi imprenditoriali e strutture pubbliche.

"Un sistema sofisticato che permea il controllo di tutti gli ospedali cittadini", dicono gli inquirenti. Sono state le dichiarazioni di decine di collaboratori di giustizia a permettere agli inquirenti di ricostruire una trama di corruzione e 'favori' tra colletti bianchi, imprenditoria e clan che ha permesso il controllo mafioso dei servizi legati agli ospedali collinari sin dagli anni Novanta, dalla protezione degli affiliati con cure agevolate, all'ostentazione del potere, e soprattutto il controllo degli affari economici e le attività di imprese che ruotano attorno alla gestione dei noscomi.

Le indagini si concentrano sul clan Cimmino, il gruppo satellite dell'Alleanza di Secondigliano che raccoglie i soldi per il clan Licciardi nella zona ospedaliera. Inchiesta che è collegata a quella sulla Sma, società in house della Regione Campania.

Al centro, la figura di Andrea Basile, già accusato di aver chiesto una tangente da 20 mila a un imprenditore, il quale ha poi ammesso di aver pagato il 'pizzo' alla criminalità. La svolta è arrivata dalle intercettazioni ambientali, che hanno permesso di ascoltare in diretta come funzionava il gruppo del Vomero e come gestiva gli affari con le altre organizzazioni criminali. Gli imprenditori talvolta rivestono il ruolo di vittime di estorsione, ma altre volte quello di collusi agli estorsori.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli