Così i profughi dell'Istria hanno popolato una borgata sul mare nel Nord Sardegna

Adriano Porqueddu
·3 minuto per la lettura

AGI  "Qui nel 1947 la Sardegna accolse fraternamente gli esuli dell'Istria, di Fiume e della Dalmazia": la scritta sulla stele su cui poggia un leone alato è la testimonianza della storia degli esuli istriani che si intreccia con Fertilia, una piccola borgata di fondazione fascista a pochi chilometri da Alghero (Sassari), nel nord Sardegna. "Il mio primo ricordo di Fertilia è la sensazione di libertà", racconta all'AGI, Marisa Brugna, esule istriana accolta nel 1959 in Sardegna. "Arrivai a 16 anni dopo un internamento in un campo profughi".  

Nella borgata che affaccia sul mare ci sono anche vie e piazze che raccontano di migliaia di uomini e donne che riuscirono a scampare all'orrore delle foibe ma che furono costretti a fuggire dalla propria terra. Quando il Trattato di Parigi assegno' Istria, Fiume e Zara alla Jugoslavia, inizio' l'esodo di tanti italiani in fuga dalle truppe partigiane di Tito, come i seicento istriani che trovarono casa in Sardegna. In quella borgata dai tratti razionalisti, tipici dell'edilizia fascista, ancora oggi vivono molti di quegli esuli e i loro discendenti. Una storia di accoglienza che ha creato una piccola comunità veneta perfettamente integrata con quella sarda dove tutto parla della loro storia. Fertilia è dedicata a San Marco e la chiesa al centro dell'abitato, così come il leone alato sul belvedere, sono là a ricordarlo, ma anche la mappa cittadina richiama avvenimenti storici e luoghi della Venezia Giulia e del Veneto.

Ricette istriane in salsa sarda

In oltre 70 anni la commistione sardo-istriana ha coinvolto diversi ambiti tra cui anche la cucina dove le ricette istriane vengono preparate in chiave sarda. Si conserva anche il dialetto veneto che non è difficile sentire passeggiando sotto i caratteristici portici che attraversano la borgata. Marisa Brugna, che ha raccontato la sua esperienza in un libro 'Memoria negata - Crescere in un centro raccolta profughi per esuli giuliani' ha sposato un algherese: "I miei figli portano un cognome sardo. Sono orgogliosa delle mie radici istriane, ma il cordone ombelicale tagliato con l'Istria si è riallacciato con Fertilia e la Sardegna". Oggi la 'Fertilia Istriana' è diventata un film diretto da Cristina Mantis in cui si racconta come i profughi di Istria, Fiume e Dalmazia vennero accolti dalla comunità sarda e la loro vita nell'isola. Scritto da Francesca Angeleri e Daniela Piu, è disponibile su MyMovies da oggi, 10 febbraio, Giorno del ricordo, per il festival di 'Sguardi Altrove' e resterà visibile per tutto il mese.

Una storia che spicca per integrazione non fu per tutti e ovunque così: tanti esuli soffrirono a lungo per la diffidenza nei loro confronti, ma a Fertilia l'accoglienza è stata la chiave che ha costruito un microcosmo perfettamente integrato che ha messo radici. "Pochi mesi dopo il mio arrivo a Fertilia, trovammo casa nella vicinissima Maristella: ricordo la sensazione di avere un bagno e poter girare la chiave per proteggere la mia privacy", rammenta Brugna. "Noi testimoni abbiamo il dovere di raccontare siamo depositari di atrocità, ma anche di una cultura che è patrimonio dell'umanità". Fertilia è un luogo animato dalla memoria storica, fatta di presenza e testimonianza umana, che rende incancellabile l'orrore di quel tratto di secolo dal 1943 al 1947.