Così Roma si sta blindando per il G20

·1 minuto per la lettura

AGI - Sarà un'area di sicurezza presidiata dalle forze dell'ordine di oltre 10 chilometri quadrati nel quartiere romano dell'Eur per il G20 in programma il 30 e il 31 ottobre. Con tre manifestazioni in programma nel fine settimana si annunciano giorni di alta tensione per l'ordine pubblico, con oltre un migliaio di agenti della Polizia Municipale a presidiare le strade del quartiere e almeno altri cinquemila uomini delle varie dell'ordine a prevenire eventuali cortei no vax e no green pass, con manifestanti provenienti dall'talia e dall'estero.

Le misure di sicurezza sono state messe a punto in Questura, in accordo con la Prefettura (ma altre riunioni sono programmate in questi giorni) prevedono l'utilizzo di check point, tiratori scelti sulle terrazze dei palazzi, elicotteri in volo con visori notturni e reparti speciali anti-terrorismo pronti all'azione.

Ci saranno varchi d'accesso presidiati per garantire l'ingresso solo delle autorità del vertice e agli addetti ai lavori accreditati e tiratori scelti nei punti strategici. Le bonifiche scatteranno già da venerdì con unità cinofile e artificieri. Ispezioni sono previste anche nel sottosuolo.

Interessate dalle bonifiche anche altre zone della Capitale dove si recheranno i capi di stato e di governo dei vari Paesi del G20. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli