Cos'è la meningite?

(La Meningite): La Meningite è un'infiammazione delle meningi, le membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale. Solitamente ha origini infettive, ma può anche essere causata da funghi, virus o batteri

(Trasmissione): Il contagio può avvenire per via respiratoria attraverso la saliva e le secrezioni nasali, spesso dispersi con la tosse, gli starnuti o durante una conversazione.

Perchè l'infezione venga trasmessa è necessario essere a stretto contatto con il malato per molto tempo o trovarsi in ambienti affollati

(Periodo di incubazione): Per la meningite virale il periodo di incubazione va dai 3 ai 6 giorni; per la forma batterica, invece, può variare dai 2 ai 10 giorni

(Sintomi): Inizialmente la malattia si presenta con sintomi aspecifici come sonnolenza, cefalea e inappetenza. Dopo qualche giorno sopraggiungono nausea, vomito, pallore, fotosensibilità e febbre. Un altro sintomo tipico è la rigidità del collo e della gamba.

(Cure): Per la forma batterica si ricorre agli antibiotici, terapia più efficace se viene identificato il ceppo responsabile dell'infezione; in caso di meningite virale, invece, la malattia è meno grave e solitamente non è necessaria una terapia specifica ma solo di supporto.

(Mortalità): Il tasso di mortalità è elevato soprattutto in soggetti molto giovani e negli anziani. Secondo i dati epidemiologici dell'Istituto Superiore di Sanità, la meningite meningococcica (una delle più diffuse in Italia) provoca la morte nel 8-14% dei casi nostrani. In assenza di cure adeguate il tasso di mortalità può addirittura arrivare al 50%

(Prevenzione): Esistono diversi vaccini per la prevenzione della meningite batterica: 3 tipi anti-meningococco (contro il sierogruppo C; contro il sierogruppo B; il vaccino tetravalente contro i sierogruppi A, C, W e Y); un vaccino contro l'Haemophilus influenzae B e contro lo pneumococco