Cosa accadrà dopo le dimissioni di Draghi

dimissioni mario draghi
dimissioni mario draghi

Mario Draghi ha rassegnato le dimissioni e Mattarella le ha accettate: cosa accadrà ora all’esecutivo e quando ci saranno le prossime elezioni?

La fine del governo Draghi

Il governo Draghi finisce con un’altra fiducia in Senato e gran parte della sua maggioranza che non partecipa al voto. Il presidente del Consiglio è salito al Colle questa mattina – giovedì 21 luglio – dal capo dello Stato, Sergio Mattarella, e ha rassegnato le sue dimissioni. Questa la nota ufficiale diffusa dal Colle:

«Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto al Palazzo del Quirinale il Presidente del Consiglio dei Ministri, Prof. Mario Draghi, il quale, dopo aver riferito in merito alla discussione e al voto di ieri presso il Senato, ha reiterato le dimissioni sue e del Governo da lui presieduto. Il Presidente della Repubblica ne ha preso atto. Il Governo rimane in carica per il disbrigo degli affari correnti».

Il futuro dell’esecutivo

Adesso il presidente Mattarella dovrà decidere se sciogliere le Camere e andare al voto anticipato, o provare a tenere nuove consultazioni per capire se c’è lo spazio per una nuova esperienza di governo. Al momento però, la prima ipotesi sembrerebbe la più concreta. E la conferma arriva dai partiti, pronti per le urne, come ampiamente dichiarato da tutte le forze politiche nelle ultime ore e nei giorni scorsi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli