Cosa accadrebbe in Italia se si votasse oggi? Lega primo partito

Sondaggi politici cresce lega

Cosa accadrebbe in Italia se i cittadini fossero chiamati oggi, 4 giugno, alle urne elettorali? A parziale risposta ci sono i consueti sondaggi politici di EMG Acqua illustrati ad Agorà i quali non presentano grandi stravolgimenti rispetto al passato con la Lega di Matteo Salvini che cresce, confermandosi il primo partito in Italia e aumentando il distacco sul Pd, secondo, che tra l’altro perde dei punti percentuali di consenso. La nello specifico è al 27,2%, con una crescita dello 0,1%, mentre il Partito Democratico di Nicola Zingaretti cala dello 0,3% e si ferma al 20,3%. La manifestazione del centrodestra del 2 giugno, con le relative polemiche, sembra aver dunque rafforzato la posizione del Carroccio che da un po’ di settimane aveva visto il suo consenso scendere – sia pure di pochi punti percentuali – anche in virtù del fatto che il leader Salvini aveva dovuto interrompere la sua fitta sequenza di comizi di piazza a causa del coronavirus.

Sondaggi politici, cresce la Lega di Salvini

Dietro Lega e Pd cresce anche il MoVimento 5 Stelle che con uno 0,1% in più arriva al 15,8%. Fratelli d’Italia, di Giorgia Meloni perde qualcosa invece qualcosa, uno 0,1, che lo porta al 14,5% del consenso nazionale. Sale poi Forza Italia al 6,8% (+0,1%), mentre Italia Viva di Matteo Renzi scende al 4,6% ( – 0,1%). Stabile al 2,6% Azione di Carlo Calenda.

Per quanto riguarda gli altri partiti restano stabili La Sinistra e +Europa, mentre perde qualcosa Europa Verde. Gli indecisi e il non voto arrivano al 40,4%.