"Cosa aspetta Renzi a far rimuovere quelle foto?". Intervista a Corrado Formigli

Pietro Salvatori
Corrado Formigli

“Le foto sono ancora presenti sulle pagine di Italia Viva. Cosa aspettano per attivarsi a rimuoverle?”. Corrado Formigli ripercorre in una lunga chiacchierata con Huffpost i passaggi della vicenda che lo ha visto involontaria preda di una tempesta di fango sui social. “Colpa” un’intervista a Matteo Renzi, e una domanda sulla questione della casa acquistata dall’ex premier anche grazie a un prestito ricevuto da un imprenditore già nominato in Cassa depositi e prestiti, nonché finanziatore della fondazione Open. ”È legittimo porsi la domanda se ci sia stato uno scambio o è lesa maestà?”, chiede provocatoriamente il giornalista. La cui casa e il cui indirizzo sono state pubblicate su alcune pagine social di Italia viva, oggetto di insulti e invettive da parte dei supporter del fu rottamatore. Che lo ha difeso sostanzialmente equiparando la sua vicenda con quella dell’intervistatore. “Renzi - spiega ancora Formigli - pubblica il suo post senza avvisarmi, rende di pubblico dominio la questione della casa, viola il patto di riservatezza dei messaggi personali che ci siamo scambiati, omette che la porcheria della pubblicazione è legata a suoi sostenitori, equipara in sostanza la vicenda delle due case, per difendere se stesso, non me”. Ma le foto sono ancora lì. “O sono capaci di autocritica - attacca il conduttore di Piazza Pulita - o sono complici. O, peggio, hanno partecipato attivamente, ma questo non lo voglio credere.

Formigli partiamo dall’inizio. Vi occupate della storia della casa perché avevate Matteo Renzi in trasmissione.
Esatto, avevamo fissato un’intervista dopo due anni che non si sedeva nel nostro studio. Tra l’altro lui con un post su Facebook aveva chiaramente fatto capire che veniva anche a rispondere su quelle questioni, erano i giorni in cui stava su tutte le prime pagine dei giornali.

Qual è stata l’impressione? Ha avuto la sensazione che il faccia a faccia avesse lasciato strascichi?
Assolutamente no. Certo...

Continua a leggere su HuffPost