Cosa ci dicono (che non sappiamo già) i terremoti più forti d'Italia

Con i dati della sismologia storica si può fare molto di più che ricavare i parametri essenziali di un terremoto, ovvero epicentro, intensità epicentrale e magnitudo. Lo assicura l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) per bocca dei suoi ricercatori che hanno recentemente pubblicato sulla rivista "Tectonophysics".

Nei dati storici, si legge nello studio, purché forniti in maniera analitica come avviene nel Catalogo dei Forti Terremoti in Italia (CFTI), si nascondono informazioni cruciali per comprendere le caratteristiche dei grandi terremoti del passato. "L'articolo appena pubblicato - spiega Gianluca Valensise, dirigente di ricerca dell'INGV e coautore della pubblicazione -riassume i risultati conseguiti nell'arco di oltre trent'anni nello studio delle caratteristiche della sorgente dei forti terremoti italiani del passato: i quali, ricordo, sono rari, e come tali forniscono informazioni uniche per caratterizzare la sismicità della penisola. 

I dati della sismologia storica ci permettono di comprendere se il terremoto avvenuto era semplice o complesso, assegnare il terremoto a una faglia sismogenetica nota o ancora ignota, capire l'eventuale direttività della rottura, caratterizzare gli eventuali effetti di amplificazione locale e molto altro". Il lavoro si muove in sintonia con l'evoluzione del Catalogo dei Forti Terremoti in Italia e intende stimolare i lettori sulle possibilità che i dati storici offrono, se letti nell'ottica giusta.

"L'interpretazione del quadro storico, macrosismico e strumentale - prosegue Valensise - è stata effettuata alla luce delle conoscenze sulla sismogenesi dell'area in cui il terremoto è avvenuto, al fine di completare e migliorare un modello di occorrenza e ricorrenza degli eventi sismici in quell'area.

L'articolo procede facendo riferimento a esempi nei quali, oltre al dato storico, di volta vengono interpellate la sismologia strumentale, la sismotettonica, l'ingegneria sismica e persino la geodesia, in un tentativo di completare in un ampio quadro multidisciplinare l'inevitabile frammentarietà dei dati che riguardano i forti terremoti del passato".

L'arco cronologico coperto parte dagli eventi del 1456, la più importante sequenza sismica nota in Italia, e arriva ai terremoti della prima metà del Novecento, come quelli del 1908 nello Stretto di Messina e del 1915 nella Marsica. I prossimi passi - conclude Valensise - riguarderanno soprattutto l'analisi della complessità delle sequenze sismiche storiche, essendo ormai accertato che la maggioranza dei terremoti italiani avvengono con scosse multiple che possono o meno apparire come tali nel caso degli eventi più antichi.

Per questa ragione nel proseguimento dell'attività ci avvarremo ancora della collaborazione dei colleghi autori del Catalogo dei Forti Terremoti (CFTI). Il tema è di grande interesse perché l'obiettivo è quello di stabilire la probabilità con cui un forte terremoto verrà seguito da altre scosse di dimensione confrontabile, dando luogo quindi a una sequenza complessa".