Cosa ci possiamo aspettare dal match di stasera tra Parma e Inter?

Emiliano Angelucci
·1 minuto per la lettura

L'occasione è d'oro. Dopo il passo falso ieri sera del Milan contro l'Udinese a San Siro, l'Inter può allungare in vetta alla classifica, e andare a +6 dai rossoneri. L'avversaria, sulla carta, è ampiamente alla portata della squadra di Antonio Conte: parliamo di una squadra, il Parma, in una crisi nera che ormai dura da tanto tempo. Negli ultimi due match è riuscita a racimolare due punti, ma non vince dal lontano novembre.

La cura D'Aversa non ha certamente sortito l'effetto sperato e questa partita, complici anche le assenze di Gervinho, Cornelius e Zirkzee davanti, sembra veramente uno scoglio insormontabile per la squadra emiliana. Juraj Kucka rimane il punto di riferimento del Parma, ultimo a mollare e miglior marcatore del Parma. Ci aspettiamo sicuramente una partita altamente difensiva della squadra giallo-blu, che cercherà di sfruttare delle possibili ripartenze per colpire la squadra ospite.

L'Inter, dal canto suo, proverà a sbloccare immediatamente la partita, come successo settimana scorsa contro il Genoa. Giro palla prolungato tra centrocampo, esterni e difesa, per poi innescare al momento giusto Lukaku o Sanchez (il cileno è in vantaggio nel ballottaggio con Lautaro Martinez). L'uomo decisivo potrebbe tranquillamente essere "Big Rom", che contro le piccole è una macchina da gol. Ma occhio anche alla difesa, che da tempo ha ritrovato un'importante solidità e sui calci d'angolo è sempre pericolosa.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.