Cosa dice il decreto per runner e sportivi

·2 minuto per la lettura
nuovo dpcm si può correre
nuovo dpcm si può correre

Con la firma del nuovo Dpcm, molte sono le domande intono al settore dello sport amatoriale: si può correre? Se sì, dove e in che misura? Cerchiamo di capire se bisognerà utilizzare la mascherina e cosa è stato disposto per le diverse zone del Paese.

Nuovo dpcm: si può correre?

Il nuovo decreto, firmato nella notte tra il 3 e il 4 novembre dal Premier Conte, verrà applicato a partire da giovedì 5 ottobre. Molti gli interrogativi ancora in ballo e molti sportivi si chiedono se potranno o meno continuare la loro attività sportiva all’aperto, tra jogging e corsa. La divisione del territorio nazionale in tre diverse aree, porterà a misure di contenimento del virus differenti. Presumibilmente l’Italia sarà divisa in tre diverse zone: verde (la meno grave), arancione (di media gravità) e rossa (rischio alto). Le misure più restrittive riguarderanno, come immaginabile, le zone ad alto rischio di contagi.

Sport e zone a rischio: le modalità

Anche nel caso dello sport, le misure saranno diversificate in base alle zone individuate. Sarà consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, purché venga rispettata la distanza di sicurezza di almeno due metri, per l’attività sportiva, e di almeno un metro per ogni altra attività.

Per le zone più a rischio

Si potrà svolgere attività motoria (passeggiata) individualmente e in prossimità della propria abitazione, nel rispetto della distanza di almeno un metro da altre persone e con l’obbligo di indossare i dispositivi di protezione. Per quanto riguarda l’attività sportiva (corsa) potrà essere effettuata esclusivamente all’aperto e in forma individuale.

Rimane inalterata la sospensione delle attività per palestre e piscine. Sospese anche le attività nei centri sportivi all’aperto e tutti gli eventi organizzati da enti di competizioni sportive.