Cosa fare a Roma durante il Capodanno

Andrea Managò

Musica dal vivo e dj set, con il ritorno di artisti di fama internazionale dopo alcuni anni di celebrazioni con produzioni dal basso. E poi teatro di strada, mostre, proiezioni ed installazioni. Per la notte di Capodanno 2020 Roma prova a lasciarsi alle spalle i problemi di tutti i giorni che ne complicano la vivibilità per cittadini e turisti - dai servizi pubblici di bassa qualità passando per traffico, buche e rifiuti - per godersi appieno una serata in centro storico. Per una notte chiede a se stessa, insomma, di rispolverare il suo volto magico, seducente e popolare.

Il cuore della festa sarà il Circo Massimo, l'antica pista per la corsa delle bighe. Qui dalle 21 si ammirerà la "Madre Terra" con i suoi elementi, con uno spettacolo di luci, proiezioni e musica con apporti video di Officine_K_Italia, Armand Dijcks_Olanda: Elemental e Space Cinemagraphs.

Alla Terra con le sue fragilità guarderà, a partire dalle 21.30, anche lo spettacolo teatrale in forma di favola scritto appositamente per il Capodanno romano da Ascanio Celestini, accompagnato da un'orchestra di bambini nata in periferia e diretta da Pasquale Innarella. Poi tutti con gli occhi al cielo, che in attesa dei fuochi d'artificio della mezzanotte verrà riempito dai uno spettacolo di danza aerea, dedicato alle Silfidi, con l'accompagnamento dell'orchestra PMCE diretta da Tonino Battista che suonerà dal vivo le Quattro Stagioni di Vivaldi riscritte da Max Richter. Una produzione a cura della Fondazione Musica per Roma.

Dopo la classica spazio al pop-rock, alle 23 salirà sul palco Carmen Consoli, la 'cantantessa' siciliana proporrà alcuni dei suoi brani di maggiore successo fino ad arrivare allo scoccare della mezzanotte. Finiti i fuochi di artificio, per 2 ore alla consolle la dj sarà Skin, la cantante degli Skunk Anansie, che da anni coltiva un rapporto speciale con l'Italia. Per lei in programma un set a base di sonorità tech e house.

E dopo la mezzanotte e fino alle 21 del 1 gennaio, i sognatori potranno alzare ancora gli occhi al cielo con videoproiezioni sulle facciate di palazzi abitualmente adibiti a tutt'altri utilizzi: ecco allora sulla sede del Ministero dello Sviluppo Economico, a via Veneto, un'installazione notturna progettata secondo il principio scientifico di decomposizione del movimento e di fisica cinetica. Gli spettatori avranno l'impressione di vedere una serie di personaggi si arrampicano sul palazzo.

Piazza Bocca della Verità invece verrà trasformata in una enorme ragnatela, su cui si muovono dei ragni giganteschi fatti con le luminarie. L'istallazione Spider Circus è a cura dei francesi Groupe Laps. Dalle finestre del vicino palazzo della anagrafe, in via Petroselli, dei lunghi tentacoli ondeggeranno sulle teste del pubblico con una proiezione ad opera di Filthy Luker & Pedro Estrellas.

La festa non si esaurirà nel corso della serata. Istallazioni e spettacoli andranno avanti per tutta la giornata del 1 gennaio tra Monte Savello, Ponte Palatino, via della Greca e il Teatro Marcello, dove si svolgeranno anche attività dedicate ai bambini. Una festa lunga 24 ore, con la speranza di riavere una città migliore di quella del 2019.