Cosa potranno fare e non fare i No Green Pass

·1 minuto per la lettura
Green Pass
Green Pass

Con l’inverno alle porte e la data del 15 ottobre che si avvicina, il Green Pass diventerà sempre più fondamentale sia per i lavoratori che per chi vuole tornare a fare una vita normale.

No Green Pass, no lavoro

Il primo problema, e anche quello più serio, per chi non ha il Green Pass, è quello del lavoro. Dal 15 ottobre, infatti, chi è sprovvisto di Green Pass non potrà accedere al proprio luogo di lavoro. Se per chi lavora nel settore privato è relativamente un problema perchè può lavorare in smartworking, per chi lavora nel pubblico invece è un grosso problema dato che non è previsto il lavoro da remoto.

No Green Pass, no viaggi

Un altro problema è quello realtivo ai viaggi. Coloro che non sono in possesso del Green Pass potranno pernottare in albergo e mangiare nella struttura, ma non potranno usufruire degli altri servizi. Se si è sprovvisti di Green Pass, si potrà viaggiare solo a bordo di treni regionali o con la proprio auto o auto a noleggio. Niente Intercity, treni ad alta velocità, navi e aerei per chi non ha il Green Pass.

No Green Pass, no sport

Anche lo sport è un problema per coloro che non sono in possesso del Green Pass. Questi, infatti, potranno allenarsi solo all’aperto, andare in bici o andare a correre. Niente palestra per chi non ha il Green Pass. Oltre ai ristoranti e i locali al chiuso, si aggiungono anche gli stadi e i palazzetti dello sport alla lista dei luoghi in cui chi non è in possesso del Green Pass non può accedere.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli