Cosa si dice in rete della vicenda concessioni balneari

Aleandro Biagianti / AGF

AGI - Le forze di maggioranza che sostengono il Governo, hanno trovato l'accordo sulle concessioni balneari, risolvendo una delle questioni più complesse all'interno del ddl Concorrenza. La novità decisiva riguarda le modalità di calcolo degli indennizzi ai concessionari uscenti, che dovranno essere riconosciuti, ma saranno rinviati ai decreti delegati.

Confermata la proroga delle concessioni al 31 dicembre 2024 nel caso di contenziosi o difficoltà oggettive, nell'espletamento delle gare. Il provvedimento è stato approvato dalla commissione Industria di Palazzo Madama, e ora sarà votato in prima lettura dall'Aula. Nei giorni scorsi Mario Draghi aveva richiamato i ministri, dicendo che "i tempi delle riforme del Pnrr vanno rispettati", riferendosi proprio al disegno di legge.

Presidente #Draghi: “Abbiamo passato in rassegna gli obiettivi del #PNRR che devono essere raggiunti entro fine giugno. Sono molto tranquillo, questi obiettivi saranno tutti conseguiti"

https://t.co/S9R4VYMqmM@palazzo_chigi #Italiadomani pic.twitter.com/ZRdNppbgep

— Italia Domani (@ItaliaDomaniGov) May 27, 2022

Con gli algoritmi di intelligenza artificiale di Kpi6* abbiamo monitorato le conversazioni in rete sul provvedimento inerente la concorrenza, ma sono le concessioni balneari ad aver acceso maggiormente le conversazioni sul web.

La geolocalizzazione delle conversazioni è concentrata nelle grandi città e in alcune zone litorali, come la riviera romagnola, il Lazio, la Toscana, la Puglia e la Sicilia. Comunità locali evidentemente interessate e sensibili, che hanno trainato le conversazioni provocandone l'incremento esponenziale in appena tre giorni. L'ampia discussione sulla concorrenza si concentra su poche, ma chiare parole chiave: le più utilizzate all'interno dei contenuti sono #balneari, stabilimenti e indennizzi.

Gli utenti all'interno dei thread pubblicati in rete, menzionano soprattutto esponenti politici di centro-destra come Daniela Santanchè, Giorgia Meloni, Matteo Salvini, con i quali cercano di ingaggiare conversazioni, chiedendo spiegazioni sul provvedimento tuttora molto divisivo.

 

L'emotion analysis conferma una prevalenza di emozioni negative associate alle discussioni sulle concessioni, vi sono ragioni e interessi che confliggono. Disapprovazione e rabbia sono presenti nel 90% dei contenuti pubblicati. Emozioni negative collegate a differenti interessi e posizioni; da un lato chi ritiene giusto introdurre meccanismi che aumentino la concorrenza, e dall'altro chi pensa che i proprietari delle attuali concessioni siano ingiustamente penalizzati.

L'accordo sui #balneari e' un esproprio, una vergogna che vede un #governo bastonare chi investe e fa patti con lo Stato. 30mila piccole imprese si troveranno fra 2 anni senza poter svolgere la propria attività. Oggi è stata scritta una delle pagine più buie della Repubblica. pic.twitter.com/jSllxbhsj0

— Daniela Santanchè (@DSantanche) May 26, 2022

Possiamo davvero pensare di essere un paese serio se continuiamo ad affidare a canoni irrisori concessioni, che vengono date sempre alle stesse persone a meno di 3000 euro l'anno? Concessioni che poi devono essere accettate da tutti gli italiani. @riccardomagi pic.twitter.com/clpVCCrzkZ

— Più Europa (@Piu_Europa) May 24, 2022

Amareggia che Forza Italia, a parole liberale, si stia battendo per tutelare, prorogare, dare indennizzi per i privilegi ultradecennali dei balneari anziché favorire liberalizzazioni e libero mercato. È sempre più indispensabile un chiarimento di fondo.#ForzaItaliasecondoVito

— Elio Vito ️‍ (@elio_vito) May 26, 2022

"Il nostro obiettivo resta quello di garantire un'apertura nel sistema produttivo, senza però danneggiare chi ha fatto investimenti"

Qui la nota completa dei senatori @gasparripdl e @MassimoMallegni: https://t.co/czQ8vR8dTm pic.twitter.com/ooT7oSuMt7

— Senatori Forza Italia (@GruppoFISenato) May 26, 2022

Le divisioni osservate in rete tra le varie audience, con quasi 25mila conversazioni in tre giorni, prevalentemente pubblicate da uomini (73%) con un alto tasso di interazioni su Twitter, sono ben rappresentate anche nel mondo della politica. La Lega e Fratelli d'Italia sono i partiti più attivi e critici sull'impostazione del provvedimento, pubblicando il 50% dei contenuti sulle concessioni balneari.

A compensare le critiche al Governo, c'è Più Europa che invece è nettamente favorevole, mentre in Forza Italia rileviamo alcune distinzioni tra i parlamentari. Chi come Elio Vito chiede “un chiarimento di fondo”, mentre dall'account dei senatori del partito si esprime una posizione di compromesso.

* Analisti: Gaetano Masi, Pietro La Torre. Giornalista, content editor: Massimo Fellini

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli