Cosa si rischia a fumare un po' di sigarette tradizionali e un po' di 'elettroniche'

no credit

AGI - Per i consumatori sia di sigarette tradizionali che di sigarette elettroniche non si riduce il rischio di malattie cardiovascolari rispetto alle persone che fumano solo sigarette tradizionali. A rilevarlo, una nuova ricerca pubblicata oggi su Circulation, la rivista dell'American Heart Association, condotta dalla Boston University School of Public Health.

È confermato da molti studi che il fumo di sigaretta tradizionale contribuisca ad un'ampia gamma di gravi patologie: quasi un decesso su 5 negli Stati Uniti ogni anno è attribuito al fumo di sigaretta e all'esposizione al fumo passivo, secondo la Heart Disease and Stroke Statistic - 2022 Update dell'American Heart Association.

Le sigarette elettroniche, che contengono molte sostanze chimiche tossiche, stanno diventando sempre più popolari come un altro modo per le persone di consumare nicotina. "Il fatto che il duplice uso, utilizzando sia sigarette tradizionali che sigarette elettroniche, abbia un rischio di malattie cardiovascolari simile al solo fumo di sigarette è una scoperta importante poiché molti americani stanno assumendo sigarette elettroniche nel tentativo di ridurre il fumo per ciò che percepiscono è un rischio inferiore", ha affermato Andrew C. Stokes, corrispondente e autore senior dello studio e assistente professore nel dipartimento di salute globale presso la Boston University School of Public Health.

Per esaminare la relazione tra le malattie cardiovascolari, l'uso di sigarette elettroniche e il duplice uso di sigarette tradizionali e sigarette elettroniche, i ricercatori hanno esaminato i dati dello studio sulla valutazione della popolazione del tabacco e della salute (Path), uno studio rappresentativo a livello nazionale sull'uso di prodotti a base di nicotina raccolte dal 2013 al 2019.

Lo studio su 24 mila persone

Lo studio si è concentrato su più di 24 mila adulti, di cui il 50% aveva 35 anni o meno e il 51% erano donne. I partecipanti sono stati classificati come fumatori se avevano fumato più di 100 sigarette tradizionali nella loro vita. I fumatori di sigarette elettroniche sono stati identificati dall'autosegnalazione da parte dei partecipanti durante qualsiasi round della raccolta dei dati.

Le classificazioni di gruppo erano: 1) nessun uso corrente di sigaretta elettronica o fumo di sigaretta tradizionale (14.832 persone, questo gruppo potrebbe includere ex fumatori o ex utenti di sigarette elettroniche); 2) uso esclusivo di sigaretta elettronica (822 persone); 3) solo uso di sigaretta tradizionale (6.515 persone); 4) doppio uso sia di sigarette tradizionali che di sigarette elettroniche (1.858 persone).

La ricerca ha rilevato più di 1.480 casi di qualsiasi malattia cardiovascolare e più di 500 casi di infarto, insufficienza cardiaca o ictus. Rispetto alle persone che fumavano solo sigarette tradizionali, le persone che fumavano sia sigarette tradizionali che sigarette elettroniche non avevano differenze significative nel rischio di malattie cardiovascolari né per il rischio di infarto, insufficienza cardiaca o ictus.

Secondo i dati, il 62% delle persone che usavano solo sigarette elettroniche e il 54% dei doppi utenti aveva meno di 35 anni, rispetto al 51% dei partecipanti classificati come non utilizzatori che non fumavano sigarette tradizionali o non usavano sigarette elettroniche.

I ricercatori hanno notato che, rispetto all'esclusivo fumo di sigaretta tradizionale, l'uso esclusivo di sigarette elettroniche era associato a eventi di malattie cardiovascolari autoriferiti inferiori del 30%-40%, sebbene l'associazione fosse significativa solo per qualsiasi esito cardiovascolare, che include condizioni come il cuore congenito malattia o miocardite e non specificamente per infarto, insufficienza cardiaca o ictus (15 eventi segnalati da utilizzatori di sigarette elettroniche contro 242 segnalati da fumatori di sigarette).

I ricercatori sottolineano che, sebbene lo studio Path fornisca dati longitudinali essenziali sull'uso delle sigarette tradizionali ed elettroniche, i dati sono autoriportati, la durata dello studio è breve e il tasso di eventi è ancora basso, soprattutto nei giovani.

Poiché l'uso della sigaretta elettronica è ancora relativamente nuovo, non esiste ancora un solido 'corpus' di prove a lungo termine per determinare l'eventuale rischio dell'utilizzo di questi prodotti nel tempo, quindi attendono con impazienza ulteriori dati da questo e altri studi in corso, avvertono i ricercatori.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli