Cose da vedere (e da sentire)/4: il libro su "C'era una volta in America" di Piero Negri Scaglione

·2 minuto per la lettura
Hp (Photo: Hp)
Hp (Photo: Hp)

Per noi maniaci di “C’era una volta in America”, per noi assatanati di Sergio Leone, per noi che consideriamo esistenzialmente centrale la risposta mitologica del vecchio Noodles-De Niro a chi gli chiedeva cosa avesse fatto nascosto in 35 anni: “Sono andato a letto presto”, insomma per noi è uscito il breviario essenziale che ci spiega ogni minimo dettaglio di quel film strepitoso: “Che hai fatto in tutti questi anni. Sergio Leone e l’avventura di C’era una volta in America” di Piero Negri Scaglione (Einaudi).

C’è tutto in queste pagine appassionatamente dedicate a un film già pensato nel 1966 e poi realizzato solo 17 anni dopo. C’è lo scontro con i produttori, l’epopea dei diritti negati, le polemiche incandescenti sulla scena in cui Noodles violenta l’amata Deborah, i capricci di De Niro che voleva avere l’ultima parola sul casting e poi, perla delle perle, la ricostruzione minuziosa di come Leone ebbe l’ardire di rifiutare la sceneggiatura dello scrittore sommo Norman Mailer, che fu buttata nel cestino tranne, come sappiamo, quel “sentiamo il suono insistente di un telefono”.

E poi, in questo libro che ci spinge a rivedere tutta la filmografia di Leone, i dettagli sulle musiche di Ennio Morricone, i dialoghi, i tagli, i ripensamenti, la precisione dei colori che nel film cambiano a seconda del periodo, marrone negli anni dell’infanzia della banda, bianco e nero negli anni Trenta, a colori nei tardi anni Sessanta, l’ossessione di Sergio Leone nella cura di ogni particolare studiato e dissezionato per lunghi 17 anni. Esempio di come la cura, l’ostinazione, la forza di convinzione, la lotta prolungata per arrivare alle meta, siano fondamentali per la riuscita di una grande opera, contro la sciatteria, l’improvvisazione, la presunzione di chi non pensa che, per fare un bel film o un bel libro, occorra studiare molto, moltissimo, forse anche 17 anni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli