Cos'è il fenomeno ottico delle mosche volanti

Mosche volanti, o miodesopsie.

In gergo scientifico si chiamano miodesopsie, il loro soprannome comune è mosche volanti: sono quei corpi o filamenti che ogni tanto vediamo muoversi davanti a noi nello spazio.

TI POTREBBE INTERESSARE: Le sostanze più presenti nel cibo? Gli antibiotici

Cosa sono?

Il fenomeno delle “mosche volanti” consiste nella visione di piccole macchie o nuvolette in movimento nel campo visivo, descritte anche come punti, cerchietti, linee o ragnatele.

Questa specie di pulviscolo oculare è microscopico, e consiste in piccoli accumuli di cellule di quella sostanza gelatinosa che riempie l'interno dei nostri occhi, ossia l’umor vitreo (detto anche corpo vitreo).

Anche se questi corpuscoli sembrano essere davanti a noi, in realtà fluttuano all'interno dei nostri occhi. Ciò che viene percepito, infatti, sono le ombre che tali corpuscoli proiettano sulla retina dell’occhio.

Le cause delle miodesopsie

Le miodesopsie diventano più frequenti con l’età, quindi sono sempre più comuni a mano a mano che si cresce. Secondo quanto riportano gli esperti, tuttavia, la degenerazione vitreale è un fenomeno naturale dovuto non solo all’invecchiamento, ma spesso risulta associato alla miopia, ai traumi, all’infiammazione e non ultima alla disidratazione, fattore che rende la comparsa delle miodesopsie particolarmente frequente nel periodo estivo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Spopolano le ciglia finte di peli di visone

Cosa fare in caso di miodesopsie

Anche se il più delle volte i sintomi dei corpi mobili non sono legati a patologie gravi, sarebbe sempre opportuna una visita specialistica per assicurarsi che non vi sia stato alcun danno alla retina. I corpi mobili possono essere in alcuni casi il sintomo di una lacerazione della retina, un problema grave che dev’essere verificato da un medico.

Una volta correttamente diagnosticate, i pazienti con miodesopsie vengono rassicurati e viene suggerito loro, soprattutto nei periodi caldi, un’ottimale idratazione, soprattutto nei periodi caldi, l’utilizzo di eventuali integratori alimentari e controlli periodici oculistici.

Se le miodesopsie dovessero essere molte o se dovessero essere accompagnate da lampi (fosfeni), o si riscontri un abbassamento dell’acuità visiva, si consiglia di recarsi al Pronto soccorso più vicino.