Costa: chi indaga su relazione malattie e inquinamento va ascoltato

Red/Gtu

Roma, 18 dic. (askanews) -"Le voci scientifiche che indagano sulla relazione tra inquinamento e malattie e, nella fattispecie, tra Terra dei Fuochi e tumori, vanno ascoltate con grande attenzione" e "la ricerca del professor Giordano è una ulteriore testimonianza dell'urgenza della battaglia contro la gestione illecita dei rifiuti pericolosi": così il ministro dell'Ambiente Sergio Costa interviene dopo le polemiche sullo studio pilota, realizzato nell'ambito del progetto "Veritas", presentato alla Camera dei deputati, che ha messo in evidenza un livello del tutto fuori norma dei metalli tossici nel sangue di malati oncologici residenti nella Terra dei Fuochi.

"Ambiente e salute sono tra loro in una correlazione strettissima", ribadisce Costa, sottolineando: "La ricerca si confronti e dibatta, ma insieme, tutti insieme, senza preclusioni né divisioni. I nostri nemici sono altri: sono gli ecocriminali che incendiano i rifiuti, sono i delinquenti che seppelliscono l'immondizia. Ecco chi dobbiamo combattere".

Quindi "a chi si è impegnato in questa ricerca va il mio grazie cosi che ringrazio il territorio per il suo costante impegno di denuncia"; e "a noi istituzioni tocca trovare soluzioni e fermare le illegalità". "E' su questo - conclude Costa - che stiamo lavorando, ogni giorno".