Costa Concordia, che fine ha fatto capitan Schettino oggi?

·2 minuto per la lettura
schettino
schettino

Il naufragio della Costa Concordia avvenne il 13 gennaio 2012, quando l’enorme nave da crociera impattò contro il gruppo di scogli noti come le Scole, nei pressi dell’Isola del Giglio.

Costa Concordia a dieci anni dal naufragio, che fine ha fatto Schettino? La storia

Sono passati quasi dieci anni dalla terribile tragedia del naufragio della Costa Concordia, ma tutti si ricorderanno chi era il capitano di quella nave. Francesco Schettino, comandante di origini partenopee, primo responsabile dello scontro della nave contro una roccia sottomarina.

Costa Concordia a dieci anni dal naufragio, che fine ha fatto Schettino? La sentenza

Schettino oggi ha 61 anni, nacque infatti il 14 novembre 1960 da una famiglia marinara di Meta. Nel 2002, all’età di 41 anni, fu stato assunto da Costa Crociere, diventando primo ufficiale, fu poi promosso a capitano nel 2006. Dopo l’incidente, Schettino fu messo in custodia cautelare dalla Procura di Grosseto e poi agli arresti domiciliari. Nel 2013 la Procura di Grosseto cominicò di aver avviato un procedimento giudiziario nei suoi confronti con le accuse di omicidio colposo plurimo e l’abbandono di nave con passeggeri a bordo. Per Schettino fu richiesta una condanna a 26 anni e tre mesi di reclusione. Infine l’11 febbraio 2015, dopo un processo durato 19 mesi, Schettino fu condannato a sedici anni di reclusione e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Costa Concordia a dieci anni dal naufragio, che fine ha fatto Schettino? Il comandante oggi

Il 31 maggio 2016, la Corte d’Appello di Firenze ha confermato i sedici anni di reclusione per Schettino. L’ex comandante si trova attualemente nel carcere romano di Rebibbia, ma i suoi legali hanno annunciato un ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo. Da maggio 2022 Schettino potrà richiedere misure alternative alla detenzione in cella, avendo già scontato un terzo della pena.Nel frattempo dal carcere segue corsi universitari in Legge e Giornalismo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli