Costa Concordia: due consorzi in gara per rimozione nave (1 Upd)

(ASCA) - Isola del Giglio, 12 apr - Sono due i consorzi

rimasti in corsa per la rimozione della Costa Concordia,

naufragata davanti all'Isola del Giglio lo scorso 13

gennaio.

E' quanto si apprende da fonti informate sul dossier. I

due consorzi, secondo le fonti, sarebbero quello formato da

Smit Salvage e Neri (che gia' si sono occupati

dell'aspirazione del carburante e che stanno eseguendo il

'caretaking') e quello formato dalla statunitense Titan

Salvage e dalla Micoperi.

I progetti inizialmente presentati erano sei, ma due sono

stati subito scartati perche' prevedevano il taglio delle

parti emerse. Sulla scelta, spiegano le fonti, pesano vari

fattori, in primo luogo quelli relativi alla tutela

dell'ambiente, alla sicurezza, ai tempi dei lavori mentre il

costo (che si aggirerebbe intorno ai 200 milioni di euro)

peserebbe nella scelta solo per il 10%. L'operazione, secondo

quanto si apprende, prevede che i lavori si svolgano

prevalentemente dal mare.

I progetti sono allo studio dell'advisor Loc (London

offshore consulting) e un pre-contratto dovrebbe essere

firmato nell'arco di 10 giorni.

La Smit Salvage e' una societa' olandese mentre la Neri ha

base a Livorno. La Titan ha basi in Florida, Singapore, e

Australia mentre l'italiana Micoperi ha base a Ravenna. I due

progetti sono top secret, anche se, secondo quanto si

apprende, la selezione viene fatta anche richiedendo

approfondimenti e integrazioni. Il 'cantiere' per la

rimozione dovrebbe partire a meta' di maggio.

Ricerca

Le notizie del giorno