Costa (Fi): tra 50 giorni scoppia bomba prescrizione, va cancellata

Rea

Roma, 12 nov. (askanews) - "Oggi mancano 50 giorni allo scoppio della 'bomba atomica sul processo'. Nell'inerzia della maggioranza di Governo, letteralmente sotto i piedi del Ministro Bonafede, si avvicina pericolosamente l'entrata in vigore dello stop alla prescrizione e dell'introduzione nel nostro sistema penale del 'processo infinito'. Come il ticchettio del timer di una bomba ad orologeria siamo giunti a 50 giorni dall'esplosione. Approvato dalla maggioranza gialloverde nei mesi scorsi dalla maggioranza gialloverde, il 1 gennaio 2020 entrerà in vigore lo stop alla prescrizione e nel nostro ordinamento penale scatterà il 'fine processo mai'. La 'bomba atomica sul processo'". Lo afferma, in una nota, Enrico Costa, deputato di Forza Italia e responsabile Dipartimento Giustizia del partito azzurro.

"Ci appelliamo a quelle forze politiche che fanno parte della maggioranza di governo, ma che allora si scagliarono contro la riforma della prescrizione: lascino Bonafede solo con le sue sterili minacce e votino la proposta di legge che abbiamo presentato alla Camera che cancella la norma incriminata. Da oggi faremo scattare un conto alla rovescia richiamando tutti i deputati alle loro responsabilità. Bonafede aveva promesso che la soppressione della prescrizione sarebbe stata preceduta da una riforma della giustizia penale che accorciasse i tempi dei giudizi. Non si è vista nessuna riforma. Ogni giorno, per i prossimi 50 giorni, presenteremo un'interrogazione al Guardasigilli per chiedere conto delle sue false promesse e per sollecitarlo a cancellare un obbrobrio giuridico", conclude Costa.