Costa incontra don Patriciello a Caivano: sei modello e non sei solo

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 1 ago. (askanews) - "Questa mattina ho avuto l'onore di incontrare padre Maurizio Patriciello, eroe del nostro tempo. Fulgido esempio di fede, coraggio, amore per la propria terra. Ammiro la sua forza e la capacità di non arrendersi davanti ai soprusi e alle minacce. È un modello per le generazioni future e per chi quotidianamente è impegnato a rendere il nostro Paese un posto migliore. Ho voluto fortemente essere oggi a Caivano, anche a nome del Governo, per testimoniare la mia vicinanza al territorio campano e ribadire a don Maurizio che non è solo". È quanto ha affermato il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa (Noi con l'Italia), a margine dell'incontro con don Maurizio Patriciello.

"In forza della delega Salute e Ambiente sono impegnato a promuovere progetti sul territorio nazionale in campo ambientale e sanitario, anche in un'ottica di prevenzione, e a sostenere la cultura One Health, del resto lo sappiamo bene: non c'è salute senza tutela dell'ambiente" ha ricordato Costa, aggiungendo "la Terra dei fuochi è la dimostrazione di come ambiente e salute siano legati in maniera inscindibile". "Siamo coscienti delle problematiche che affliggono la Campania, terra meravigliosa, e del sacrificio quotidiano profuso da uomini come padre Maurizio" ha continuato, sottolineando "per questo rinnovo il mio impegno a destinare risorse in questa direzione con l'obiettivo di fornire risposte concrete alla comunità: si tratta di battaglie giuste per il bene comune e per la salute di tutti noi, sa sanità è un tema che deve unire".

"Don Maurizio è storicamente in prima linea contro l'inquinamento dei territori, la Terra dei Fuochi, la pratica dello sversamento e interramento di rifiuti tossici industriali nelle campagne campane, lo spaccio di droga" ha proseguito il sottosegretario, definendolo "volto e voce di battaglie contro la criminalità organizzata", con la schiena dritta e senza abbassare mai la testa per estirpare il rifiuto più radioattivo che esista: la cultura mafiosa". "Il suo impegno - ha concluso Costa - incarna il senso più profondo del civismo e della responsabilità in cui anche io credo e che cerco di testimoniare ogni giorno. Sono uomini come lui che mi rendono ancor più orgoglioso di essere italiano".

Dopo l'incontro, il sottosegretario è intervenuto al convegno "Ambiente e Salute. Responsabilità etiche e legali dell'uomo", presso il Gran Caffè Gambrinus di Napoli, dove si è confrontato con esponenti di società civile, del tessuto imprenditoriale, del mondo legale, medico e accademico.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli