Cota: "Io ex Lega ora con Berlusconi, si sente tanto la mancanza di Bossi..."

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

"Certo che rimpiango la presenza di Bossi, oggi si sente tanto la sua mancanza in politica...''. L'ex leghista Roberto Cota, bossiano della prima ora, torna in politica ma con la 'casacca' di Forza Italia. Sono lontani i tempi della Lega 'dura e pura' del Senatur, che Cota incarna, visto che è stato capogruppo alla Camera di quel movimento creato "dall'Umberto", come lo chiamano i suoi fedelissimi. Oggi alla guida di via Bellerio c'è Matteo Salvini, è lui il leader del nuovo centrodestra a trazione sovranista, insieme a Giorgia Meloni. E forse per questo fa più notizia ancora il 'trasloco' dell'ex governatore del Piemonte con il partito di Berlusconi, che oggi è precipitato al 6 per cento e cerca di rilanciarsi.

Cota, che dopo aver lasciato la presidenza della Regione e la politica si è messo a fare l'avvocato tra Novara e Torino, dice di rimpiangere Bossi e di aver scelto Fi perché ''dentro il partito azzurro c'è ancora spazio per un'anima federalista" e per chi, come lui, ''ha una visione federalista''. Che ne pensa della Lega di Salvini? ''Non voglio fare polemiche", premette Cota che spiega all'Adnkronos: "Non ho rinnovato la tessera della Lega nel 2020, sono un uomo politicamente libero e ho deciso di seguire la mia strada, scegliendo di percorrerla con Forza Italia. Ovviamente sono contento se tutto il centrodestra cresce, crescendo Fi. Penso che quella che ho fatto sia la scelta più coerente con la mia storia''.

''Ho sempre creduto nel pensiero liberale e oggi, declinato in chiave moderna -sottolinea- è più che mai necessario. Non chiedo poltrone, voglio solo dare una mano. Rimpiango la presenza di Bossi, uno -assicura- dei più grandi politici che ha calcato la scena. Ho sempre mantenuto un rapporto con lui. Sono andato a trovarlo due giorni fa a casa sua, a Gemonio, ci manca tanto".