Cous Cous Unplugged, rap e diversità a Roma fino al 28 agosto

featured 1642163
featured 1642163

Roma, 26 ago. (askanews) – Dopo il successo in tutta Italia di Spaghetti Unplugged, fino al 28 agosto debutta a Roma per Estate Romana – nella periferia Nordest di Ottavia, Via Casal del Marmo 216 – Cous Cous Unplugged, spin off del noto format diretto e ideato da Davide Dose con Giovanni Romano e Gianmarco Dottori: 4 giorni di musica, incontri, open microphone e talk alla scoperta della nuova e della storica scena rap romana e italiana. Un vero e proprio mini-festival a ingresso gratuito per esplorare i temi dell’intercultura, della vita in periferia, della forza identitaria e migliorativa della musica e delle parole.

Davide Dose: “Un palco aperto tutti i giorni per i giovani artisti esordienti ed emergenti di zona e non solo, uno spazio per raccontare il rap nelle sue molteplici forme e per dimostrare che attraverso la musica si può costruire una società plurale e inclusiva. Infatti ogni giorno ci saranno sul palco un artista ospite italiano e un artista ospite di seconda generazione che si confronteranno prima in un talk e poi ci faranno ascoltare la loro musica”

Concerti e open mic quindi, ma anche laboratori di scrittura, laboratori creativi e aperitivi etnici con cibo da tanti paesi del mondo: a salire sul palco in un confronto animato e creativo di musica, rime e parole saranno protagonisti del rap come Chicoria e Amir Issaa, al fianco di artisti come Slava, Phedra e Rosa White, Charles Muda e Samia.

Amir Issaa, storico rapper della scena romana, spiega: “Come ho raccontato nel mio libro ‘Educazione rap’, la facilità con cui ci si può avvicinare a questo genere musicale permette a molti ragazzi di raccontare le loro storie. Siamo in un momento in cui la società italiana sta cambiando molto e tanti ragazzi di seconda generazione, figli di immigrati come me, utilizzano questo genere musicale per raccontare questo cambiamento come se fosse una colonna sonora”.

Ogni sera spazio aperto anche agli emergenti della zona e di tutta Roma che volessero dimostrare la propria capacità in rime e musica: un open mic aperto alle nuove leve della capitale, secondo la collaudata formula che ha reso Spaghetti Unplugged progetto di punta del lancio e rilancio della scena musicale italiana dell’ultimo decennio.