Covid 19, accordo Regione Toscanaa-Pediatri per gestione emergenza -3-

Red/Cro/Bla

Roma, 6 mar. (askanews) - "I pediatri di famiglia - ha sottolineato Valdo Flori, segretario regionale della Fimp (Federazione italiana medici pediatri) Toscana - partecipano al percorso intrapreso dalla Regione per arginare l'epidemia del Coronavirus con senso di responsabilità professionale e deontologica, come fra l'altro prevede l'art. 8 del Codice deontologico, ovvero che 'll medico, in caso di catastrofe, di calamità o di epidemia, deve mettersi a disposizione dell'Autorità competente'. Per il rapporto di fiducia che abbiamo con le famiglie, siamo convinti che la nostra disponibilità possa rappresentare un valore aggiunto nella gestione di una emergenza, dove più che l'imp ortanza delle cure è necessario seguire semplici comportamenti per arginare il contagio del virus. Comprendiamo l'ansia e la preoccupazione dei genitori di fronte a una febbre elevata e che persiste per giorni, ma dobbiamo rassicurarli e aiutarli a comprendere che la febbre è il sintomo meno importante per valutare la gravità di un'infezione virale. Un colloquio telefonico può essere sufficiente al pediatra per valutare la gravità del quadro clinico e per consigliare il corretto percorso assistenziale, che nella maggior parte dei casi consiste nello stare a casa con la sola terapia di supporto per i sintomi presentati, ma con la certezza della contattabilità del proprio pediatra. Invito, pertanto, i genitori ad avere fiducia nel loro pediatra di riferimento, che sono certo saprà fornire tutto il supporto necessario per la tutela della salute dei loro figli".