Covid-19, Boccia: ordinanza condivisa garantisce sicurezza -2-

Red/Gtu

Roma, 26 feb. (askanews) - "Per fronteggiare l'emergenza coronavirus - sottolinea il ministro Boccia - il governo e le Regioni hanno operato rispettando rigorosamente il principio di leale collaborazione tra livelli istituzionali, pur rimanendo nell'ambito del perimetro normativo delle proprie competenze". "Il presidente Ceriscioli, invece - critica Boccia - ha voluto portare avanti autonomamente, e senza il supporto di alcuna motivazione scientifica, un'ordinanza che viola più principi e non garantisce ai cittadini marchigiani alcuna certezza che avrebbero, invece, se la Regione adottasse l'ordinanza tipo condivisa da tutti".

"Tale condotta amministrativa - avverte il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie - porta con sé conseguenze gravi, per questo motivo abbiamo voluto agire in maniera tempestiva, invocando la tutela dell'autorità giurisdizionale competente".