Covid-19, Da Piemonte 500 mila euro per straordinari vigili

Prs

Torino, 9 apr. (askanews) - La polizia locale piemontese potrà contare su 500mila euro in più per affrontare l'emergenza Coronavirus. La commissione Bilancio del Consiglio regionale del Piemonte, presieduta da Carlo Riva Vercellotti, ha dato parere favorevole a larga maggioranza a una proposta di delibera regionale presentata dall'assessore Fabrizio Ricca.

"Ci avviciniamo al weekend di Pasqua e verrà utilizzata strumentazione straordinaria come i droni, verranno rafforzati i presidi anche con l'esercito nelle zone più complicate, per garantire il rispetto delle norme. Le risorse che abbiamo deciso di stanziare serviranno per coprire gli straordinari della polizia locale piemontese che sarà di supporto. I fondi saranno, destinati metà al Comune di Torino e metà agli altri comandi provinciali, verranno utilizzati maggiormente in questo weekend e in seguito fino alla fine dell'emergenza", ha detto Ricca.

La capogruppo M5s Francesca Frediani ha chiesto chiarimenti sui "dispositivi di protezione individuale. Riceviamo notizie di materiale di scarsa qualità, chi ha l'onere di distribuirlo agli agenti? E perchè è stata inserita questa possibilità nella delibera, che avrebbe dovuto trattare solo di straordinari per la Polizia Locale?".

"Nei capoluoghi di provincia spetta alle Prefetture - ha specificato Ricca - mentre l'unità di crisi si occupa degli altri Comuni. Vengono distribuite mascherine non sanitarie per i controlli di routine, ffp2 e ffp3 per quelli più approfonditi. Torino riceve 20 mila mascherine ogni quattro giorni".

Una risposta che non ha soddisfatto pienamente il gruppo 5 stelle che ha optato per il voto di sola presenza.

Da Maurizio Marello e Diego Sarno (Pd) è stato chiesto se sono previste "risorse aggiuntive, come già sta avvenendo in Emilia Romagna, per il personale sanitario e para-sanitario che sta affrontando l'emergenza con grande spirito di servizio e spesso in condizione di sicurezza precaria. Vorremmo sapere, inoltre, come è stata calcolata la ripartizione".

Sul primo punto l'assessore Ricca ha rimandato a una commissione Sanità competente in materia, mentre "le risorse sono state suddivise sulla base dei dati Istat su popolazione e agenti in servizio".

"Maggiore attenzione ai tempi della comunicazione con gli organi di stampa - è l'invito di Mario Giaccone (Monviso) - abbiamo letto notizie di agenzia dove si dava per approvata la delibera".

Sottolineatura condivisa da Silvio Magliano (Moderati): "I vigili in questa fase si stanno facendo carico di una responsabilità enorme. Sulle comunicazioni con la stampa, ribadiamo i dubbi sull'atteggiamento della Giunta durante questa emergenza. Tuttavia In questo caso parliamo di un episodio minimo".

"Conosco l'importanza del Consiglio anche per il mio impegno di consigliere comunale - è stata la risposta di Ricca - la nota è stata veicolata dalla Prefettura, infatti non ci sono mie dichiarazioni. Abbiamo avvisato informalmente i comandi per cominciare ad avviare la fase organizzativa, ci siamo permessi di farlo così che le disponibilità degli agenti potessero diventare turni effettivi".

SecondoAlessandra Biletta (Fi): "alcuni agenti a Torino sono stati obbligati a usufruire in anticipo delle ferie, ma poi nel contempo vengono chiesti straordinari. Pensiamo sia necessario mettere in campo ogni risorsa disponibile".

Ricca ha spiegato che "i fondi saranno rendicontati dai singoli Comuni e noi andremo a coprire lo straordinario con queste risorse. Riceviamo già un dato positivo da Torino, dove stamattina venivano raccolte le disponibilità agli straordinari nel weekend di Pasqua".

In conclusione, Federico Perugini (Lega) ha voluto "ringraziare l'assessore Ricca per il lavoro svolto che ha portato alla larga condivisione della proposta".