COVID-19:deputati europei chiedono risposta più unitaria dell'UE -3-

vgp

Roma, 26 mar. (askanews) -

In apertura di dibattito, il Presidente David Sassoli ha ribadito che il Parlamento non cesserà di funzionare nonostante la pandemia. "Oggi siamo qui vicini seppur lontani, riuniti con questo formato inedito, straordinario ma determinati a dare il nostro contributo nella lotta alla pandemia garantendo la nostra funzione democratica e la continuità dei lavori del parlamento perché è solo così che possiamo rendere un servizio alle persone, alle nostre comunità ed al personale sanitario che si sta sacrificando nelle corsie dei nostri ospedali in tutta l'Europa", ha affermato.

Sottolineando la necessità di un'azione comune e di preservare il mercato unico, la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha dichiarato: "Quando avevamo bisogno di uno spirito "tutti per uno", molti hanno fornito una risposta "solo per me". Ma ora le cose stanno migliorando. La libera circolazione di beni e servizi è l'unico modo per far arrivare le forniture là dove sono necessarie. Mettere barriere tra di noi non ha senso! I cittadini europei si ricorderanno delle decisioni e delle azioni che prendiamo oggi".

Esteban Gonzáles Pons (PPE, ES) ha dichiarato: "Abbiamo bisogno dell'Europa che ogni sera esce sui balconi per applaudire gli operatori sanitari". Ha poi fatto eco alla Presidente della Commissione e ha chiesto che le risorse siano convogliate verso l'assistenza sanitaria locale e che sia garantito il libero flusso di attrezzature e beni medici. Ha poi chiesto il mantenimento dei sistemi politici, l'investimento nella ricerca e la solidarietà tra i leader europei il cui "spirito europeo sta fallendo".

(Segue)