COVID-19, Di Maio: in Ue difficile prendere le decisioni a 27

Mos

Roma, 5 giu. (askanews) - La disillusione in Italia nei confronti dell'Unione europea stata suscitata anche dalla difficolt di prendere decisioni in 27 in una fase di crisi, come quella provocata dalla pandemia COVID-19. L'ha affermato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo tedesco Heiko Maas a Berlino. Di Maio, inoltre, ha anche definito "impossibile da dimenticare" l'aiuto ricevuto dalla Germania nei momenti pi duri dell'epidemia, quando Berlino ha anche accettato di accogliere pazienti italiani.

"Sicuramente nel popolo italiano ci sono grandi aspettative nei confronti dell'Ue e la risposta queste aspettative ha richiesto tempo", ha detto Di Maio, aggiungendo: "Decidere a 27 sempre difficile". Secondo il ministro, per, ora la fase cambiata: "Siamo in un momento in cui, se dalla proposta della comissione non ci si discoster molto, nel Recovery Fund l'Italia sar uno dei maggiori beneficiari".

Per quanto riguarda invece un certo sentimento anti-tedesco diffuso in Italia soprattutto nelle prime fasi dell'epidemia, questo non stato percepito da ministro. "La Germania - ha detto il ministro - un paese che addirittura durante la pandemia, quando le terapie intensive stavano scoppiando, ha accolto i nostri pazienti. E di questo saremo sempre grati. E lo dico veramente con i brividi, perch la solidariet sar sempre indimenticabile. Rester sempre nei nostri cuori questo gesto. Nel momento del bisogno si vedono gli amici e ancora una volta gli amici c'erano".