Covid-19, dopo primo caso da aprile Taiwan prende contromisure

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 dic. (askanews) - Le autorità di Taiwan hanno chiesto ai cittadini di attenersi al distanziamento fisico e hanno chiesto di mettere le mascherine, consigliando di stare a casa per le celbrazioni del nuovo anno, dopo che il paese ha regstrato il primo caso di contagio interno da Covid-19 dal mese di aprile. Lo riferisce il Taipei Times.

Il primo contagio è relativo a una donna trentenne che è venuta in contatto con un pilota neozelandese della EVA Airways, la compagnia aerea taiwanese, che si sarebbe contagiato durante una trasferta negli Usa. Il ministero della Sanità taiwanese ha spiegato che il neozelandese potrebe aver trasmesso il contagio anche ad altri due piloti. Il fatto sconcertante è che questi non avrebbe comunicato i suoi contatti e spostamenti, motivo per il quale potrebbe incorrere in sanzioni sia pecuniarie da parte delle autorità, sia disciplinari da parte della sua compagnia aerea, fino al licenziamento.

Inoltre il pilota tra l'8 e il 19 dicembre, avrebe girato liberamente per Taipei, recandosi anche in alcuni affollatissimi centri commerciali. Il centro che si occupa del tracciamento ha già identificato 167 contatti del potenziale super-diffusore, 13 dei quali sono stati messi in isolamento domiciliare. Tutti saranno sottoposti a tampone molecolare.

Taiwan è riuscita, grazie alla tempestività nelle decisioni e a un sapiente uso dei sistemi di tracciamento, a restare relativamente poco toccata dal virus. La vita nell'isola procede in maniera abbastanza normale e anche l'economia non ha subito i contraccolpi che si sono visti altrove.

Ma - ha spiegato la presidente Tsai Ing-wen - questo nuovo caso "deve ricordarci che la pandemia è lontana dall'esser terminata, che la cooperazione internazionale è la chiave per risolverla, perché siamo tutti coinvolti".