Covid-19, in Italia 11 casi trombosi rare dopo vaccino AstraZeneca, 4 decessi - Aifa

·1 minuto per la lettura
Una siringa e una fiala del vaccino AstraZeneca contro il Covid-19

(Elimina refuso)

MILANO (Reuters) - In Italia sono stati registrati 11 casi di trombosi rare con quattro decessi dopo l'inoculazione del vaccino Vaxzevria, prodotto da AstraZeneca contro il Covid-19.

Lo si legge nel terzo rapporto dell'Aifa sulla sorveglianza dei vaccini contro il Covid nel quale si sottolinea che sono pervenute, tra il 27 dicembre 2020 e il 26 marzo scorso, 46.237 segnalazioni su poco più di 9 milioni di dosi somministrate di sospetta reazione al vaccino (510 ogni 100.000 dosi).

Soltanto il 7,1% del totale riguarda casi gravi, ovvero 36 su ogni 100.000 dosi somministrate.

Il rapporto dedica un focus a Vaxzevria e rileva che entro due settimane dalla vaccinazione si sono verificati casi molto rari di trombi associati a bassi livelli di piastrine nel sangue.

Nel dettaglio su un totale di 62 casi inseriti in Eudravigilance in Italia sono stati segnalati 7 casi (con due decessi) di trombosi dei seni venosi intracranici (CSVT) fino al 22 marzo 2021 e 4 casi (con due decessi) di trombosi di più vasi sanguigni in sede atipica sui 24 inseriti nello stesso periodo nella rete di sorveglianza europea.

(in redazione a Milano Gianluca Semeraro, Sabina Suzzi)