Covid-19, l'appello dei leader globali per un "vaccino bene comune"

Bea

Roma, 28 giu. (askanews) - Sono 103 i leader globali che hanno firmato l'appello lanciato dallo Yunus Centre di Dacca, Bangladesh, per dichiarare il vaccino contro il Covid-19 un bene comune da distribuire gratuitamente. Tra di essi 18 premi Nobel, 32 ex capi di stato e di governo,personalit del mondo della spettacolo. Figurano tra i firmatari Desmond Tutu, Mikhail Gorbaciov, Malala Yousafzai, Bono, Richard Branson, Lech Walesa, Jody Williams, Mahathir Mohamad, Lula, George Clooney, Sharon Stone, Forest Whitaker, Anne Hidalgo, Andrea Bocelli e Muhammad Yunus, Nicola Zingaretti.

"Lanciamo un appello a governi,fondazioni, filantropi e imprese sociali per afri avanti e produrre o distribuire i vaccini in tutto il mondo gratuitamente . Invitiamo tutte le entit sociali, politiche e sanitarie a riconfermare la nostra responsabilit collettiva per la protezione di TUTTE le persone vulnerabili senza alcuna discriminazione" si legge in un comunicato, che sottolinea che l'efficacia di una campagna di vaccinazione dipende dalla sua universalit.

"Chiediamo a tutti i leader del mondo, tra cui il segretario generale dell'Onu, il direttore generale dell'Oms, i leade religiosi, i leader sociali e morali, i leader dei laboratori di ricerca e delle compagnia farmaceutiche e ai media di prendersi per mano e di costruire un consenso sul fatto che il vaccino per il Covid-19 debba essere un ben comune" si legge nell'appello, che pu essere firmato sul sito vaccinecommongood.org.