Covid-19, le donne sorpassano gli uomini: adesso sono loro le più contagiate

coronavirus-italia-donne

Nelle prime fasi della malattia da Coronavirus sembrava che a essere più colpiti, in Italia, fossero gli uomini rispetto alle donne. Adesso, però, stando all’ultimo report pubblicato dall’Istituto Superiore dalla Sanità, si può evincere come questa fosse ‘una falsa credenza’ poiché le donne colpite dalla malattia, nel Bel Paese, rappresentano il 54,2% del totale.

A lunedì 15 giugno, in Italia, sono state contagiate dal Coronavirus circa 237mila persone, mentre i decessi legati al Covid-19 sono poco più di 34mila. Nel mondo i casi totali sono quasi arrivati a 8 milioni, mentre le vittime sono 433mila. Dati che consentono di evincere come l’Italia abbia saputo contenere la malattia dato che, dalle prime posizione delle graduatorie, è passata rispettivamente al settimo posto per infezioni e al quarto per i morti.

Coronavirus: in Italia si ammalano più donne

La malattia risulta essere più aggressiva negli uomini – in particolar modo quelli anziani e con morbi già preesistenti -, ma ad ammalarsi in numero maggiore sono le donne. Lo si può evincere proprio dal bollettino dell’Iss che evidenzia come le donne italiane infettate dal Coronavirus risultano infatti essere il 54,2 percento del totale, contro il 45,8 percento degli uomini. A sorprendere è stato il percorso che ha portato al sorpasso delle donne e al successivo distaccamento dagli uomini.

Numeri importanti se si pensa che a inizio pandemia, nel periodo di marzo 2020, in Italia le donne risultate ufficialmente positive al Covid-19 erano il 39,7 percento del totale, contro il 61,3 percento degli uomini. Ad aprile 2020 dopo sono diventate il 49,3 percento, compiendo il sorpasso tra aprile e maggio e distaccandosi nelle settimane successive. Dati alla mano, il 13 maggio le donne positive rappresentavano il 53,7 percento dei contagiati.