Covid-19, Msf: lockdown per migranti in isole Grecia discriminatorio -3-

Coa
·1 minuto per la lettura

Roma, 20 lug. (askanews) - "Finora non ci sono stati casi di Covid-19 nei centri di accoglienza. Queste persone non rappresentano un rischio per gli altri, sono loro a essere a rischio e hanno bisogno di aiuto. Devono essere riconosciuti per quello che sono, esseri umani in fuga da guerre e persecuzioni. Chiediamo al governo greco di porre fine alle restrizioni di movimento delle persone nei centri di accoglienza, questa politica sta minacciando la loro salute mentale e fisica senza alcuna giustificazione. Da medici e da esseri umani non possiamo pi accettarlo" conclude Sandrone, coordinatore di MSF a Lesbo. Il Covid-19 non deve essere usato come strumento per trattenere migranti e rifugiati. MSF continua a chiedere l'evacuazione delle persone dai centri di accoglienza verso sistemazioni sicure, in particolare per le persone pi vulnerabili e ad alto rischio di contrarre il Covid. Le condizioni in questi centri non sono accettabili in tempi normali, oggi sono luoghi ancora pi pericolosi, di violenza, malattia e miseria. (Segue)