Covid-19 negli Stati Uniti, diffonde notizie false e viene condannato: la storia

·1 minuto per la lettura
Fake news Covid
Fake news Covid

Un uomo è stato condannato a 15 mesi di carcere per aver diffuso delle fake news sul Covid-19. Christopher Charles Perez ha diffuso informazioni non veritiere anche sulle armi biologiche. L’uomo avrebbe scritto sui social di aver pagato una persona positiva al Coronavirus e di averle fatto leccare degli oggetti in vendita nei supermercati del posto.

Fake news sul Covid-19 diffuse in Rete, condannato un uomo negli USA

L’uomo è stato arrestato a San Antonio, in Texas, dopo alcune indagini che il dipartimento di Giustizia ha avviato a maggio 2021. L’obiettivo dell’uomo era quello di terrorizzare le persone in merito alla circolazione e diffusione del virus. Christopher Charles Perez, meglio conosciuto come Christopher Robbins, è stato arrestato dopo aver diffuso per diversi mesi il panico sui social.

Fake news sul Covid-19 diffuse in Rete, condannato un uomo negli USA: altri dettagli

La storia scritta dall’uomo si è rivelata del tutto falsa, da qui le indagini e successivamente l’arresto. Gli agenti federali hanno scoperto che tutto ciò che scriveva sui social era palesemente falso (armi biologiche e varie fake sul Covid ndr).

Fake news sul Covid-19 diffuse in Rete, condannato un uomo negli USA: cosa diceva sui social

Con queste gravi accuse l’uomo è stato arrestato e condannato a 15 mesi di carcere. Come se non bastasse ha ricevuto anche una multa per un totale di mille dollari.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli