Covid-19, nel Regno Unito nascono le disco contro l'epidemia

·1 minuto per la lettura
Liverpool discoteca
Liverpool discoteca

A Liverpool è nata la prima discoteca contro l’assembramento da coronavirus. Billie Clements e Robert McPartland hanno inventato una sala da ballo a cielo a aperto. Non si ballerà più nei locali ma per le strade. Ispirandosi ad un evento che è stato organizzato a Berlino, i due dj hanno deciso di dar vita ad il “Ride and Rave”. Billie e Robert intrattenevano il pubblico suonando le loro hit preferite da un autobus in movimento, mentre centinaia di ballerini/biker li seguivano in bici.

<script>
<script>

La discoteca a Liverpool

L’evento è durato circa due ore ed hanno partecipato centinaia di ciclisti. La polizia è intervenuta perchè i partecipanti erano troppi ma, alla fine, gli organizzatori si sono ritenuti soddisfatti. L’idea è nata anche come “segno di protesta” rispetto alla crisi provocata dal coronavirus che ha messo a rischio 750mila posti di lavoro legati alle discoteche.

La protesta del mondo dello spettacolo

A causa del coronavirus anche il mondo del coronavirus è in crisi. Difatti, a Milano si è tenuta una protesta silenziosa, “Bauli in piazza”, con tecnici ed organizzatori del settore, tutti vestiti di nero ed in segno di protesta. L’intento è chiedere al Governo nuove regole che permettano anche al mondo delle performance ed arti di ripartire.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli