Covid-19, paesi riprendono uso vaccino AstraZeneca dopo ok Ema, Mhra

·2 minuto per la lettura
Fiale del Vaccino AstraZeneca contro il Covid-19 presso il centro medico di Champigny

AMSTERDAM/LONDRA (Reuters) - Diversi paesi hanno ripreso l'uso del vaccino AstraZeneca contro il Covid-19, dopo che le autorità Ue e britanniche hanno affermato che i benefici superano i rischi, in seguito all'emergere di rari casi di trombosi.

La fine delle sospensioni darà il via a un test della fiducia pubblica, nel vaccino e nelle autorità farmaceutiche, le cui conclusioni sono ora sotto esame, considerando la diffusione delle varianti del virus e il bilancio mondiale delle vittime che aumenta ogni giorno, arrivato a quasi 2,7 milioni di morti.

L'Indonesia si è unita alla Germania, alla Francia e ad altri stati nel riprendere la somministrazione del vaccino, dopo aver sospeso le iniezioni su notizie di circa 30 rari casi di trombosi cerebrale, dopo milioni di vaccinazioni, cosa che ha spinto scienziati e governi a determinare un possibile nesso.

L'Ema ha affermato che i benefici del vaccino nella protezione dei soggetti da un ricovero o da una morte legata al coronavirus superano i potenziali rischi.

La Germania ha ripreso da questa mattina la somministrazione del vaccino AstraZeneca, mentre il primo ministro francese Jean Castex ha detto che cercherà di promuovere il riavvio nel proprio paese, ricevendo oggi lui stesso l'iniezione di una dose.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha detto che l'Italia agirà di conseguenza, facendo seguito a dichiarazioni simili da parte di Cipro, Lettonia e Lituania.

La Spagna riprenderà le somministrazioni a partire da mercoledì. Anche il Canada ha espresso il proprio sostegno per il vaccino.

Nel Regno Unito, l'Agenzia nazionale di regolamentazione dei prodotti medici e sanitari (Mhra) sta investigando cinque rari casi di trombosi cerebrale riportati su 11 milioni di vaccinazioni effettuate nel paese.

L'autorità britannica ha detto che indagherà sulle segnalazioni di trombosi del seno venoso centrale, avvenute in occasione di una bassa conta delle piastrine immediatamente dopo la vaccinazione.

Tuttavia, l'agenzia ha affermato che l'uso del vaccino dovrebbe proseguire e un funzionario ha dichiarato che il programma di vaccinazione britannico probabilmente non si fermerà anche se sarà dimostrato un nesso.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)