Covid-19 a Pechino, imposto isolamento nella contea di Anxin

coronavirus pechino

Nella contea di Anxin, a circa 150 chilometri da Pechino, è stato imposto il lockdown per 500 mila persone. La decisione è stata presa al fine di contrastare una possibile seconda ondata di coronavirus.

Lockdown nella contea di Anxin

Nel corso delle ultime 24 ore sono stati registrati 14 nuovi casi di soggetti positivi al Covid-19, portando a 311 il totale, dopo che è stato riscontrato un focolaio in un mercato del pesce. Come spiegato dalle autorità locali, la decisione di imporre il lockdown per quasi 500 mila persone è stata presa al fine di contrastare una possibile seconda ondata. Il lockdown, ricordiamo, è stato imposto nel cantone di Anxin, a 60 chilometri a sud di Pechino, nella provincia settentrionale di Hebei.

LEGGI ANCHE: Infettivologo Cauda: “Città italiane rischiano effetto Pechino: il motivo”

In seguito alle misure restrittive, volte a contrastare la diffusione del virus, potrà uscire una sola persona per nucleo familiare una volta al giorno per comprare alimenti e medicine. Nel frattempo, inoltre, a Pechino il municipio ha dato il via ad una vasta campagna di screening, ha chiuso le scuole ed invitato gli abitanti a non lasciare la città. Diverse migliaia di persone sono state confinate nelle aree residenziali ritenute a rischio.

In questi giorni le autorità sanitarie cinesi stanno stringendo un cordone di sicurezza intorno alla capitale, In poche settimane sono stati scoperti 300 casi di Covid-19 e il tutto sarebbe iniziato da Xinfadi, un mercato all’ingrosso nel sud della città. “L’epidemia nella capitale è grave e complessa”, ha affermato Xu Hejian, il portavoce della capitale.