Covid-19, restrizioni in Sudafrica dopo aumento “senza precedenti”

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 29 dic. (askanews) - Dopo aver superato la soglia di un milione di casi di Covid-19, il Sudafrica è passato dal livello uno al livello tre di lockdown (su complessivi cinque livelli), per cercare di contenere la diffusione del coronavirus dopo la scoperta della variante 501.V2, rivelatasi più contagiosa. Il presidente Cyril Ramaphosa ha annunciato il ripristino di misure più dure, sottolineando come il paese si trovi in una situazione "estremamente pericolosa" nella sua lotta contro la pandemia, a fronte di un incremento di casi a un "ritmo allarmante e senza precedenti".

Il Sudafrica ha superato la soglia del milione di casi solo nove giorni dopo averne registrati 900.000, mentre ci sono volute due settimane per passare dagli 800.000 di inizio dicembre a 900.000 contagi.

Le misure del livello tre del lockdown rimarranno in vigore fino al 15 gennaio e prevedono il divieto di tutte le riunioni, sia all'aperto che al chiuso, il coprifuoco nazionale dalle 21 alle 6 e la chiusura alle 20 di tutti i negozi non essenziali, di bar e ristoranti. Chiusi tutti i locali notturni. Imposto l'obbligo di mascherina in tutti i luogi pubblici, pena una multa o fino a sei mesi di carcere.

Secondo quanto riportato oggi dal quotidiano Business Day, le nuove restrizioni daranno un nuovo colpo a un'economia già fragile. Il Tesoro ha previsto una contrazione del 7,8% nel 2020, dopo che il paese ha registrato una perdita di oltre 2,2 milioni di posti di lavoro nel secondo trimestre. L'impatto economico del virus e delle misure di contenimento hanno ridotto le entrate fiscali e portato il debito del paese all'81,8% del Pil, rispetto al 63,3% del 2019/2020.