Covid-19, troppe assenze al Cardarelli di Napoli: polemica -punto

Psc

Napoli, 18 mar. (askanews) - Troppi medici e operatori sanitari assenti all'ospedale Cardarelli di Napoli. Un caso che ha guadagnato le pagine dei giornali e che ha alimentato il dibattito nelle ultime ore.

La Direzione Strategica del nosocomio partenopeo ha reso noto di aver "già disposto, tramite gli uffici competenti, l'avvio di un'indagine interna mirata ad analizzare ogni singolo caso di malattia" dei dipendenti per accertare eventuali irregolarità, ma anche "a tutelare quanti sono legittimamente a casa per comprovate ragioni di salute". Nel caso emergessero comportamenti scorretti, la Direzione Strategica ha dichiarato che provvederà a trasmettere l'esito delle indagini agli organi competenti e ad "adottare prontamente i necessari provvedimenti disciplinari".

In diretta su Radio Crc, il direttore del Cardarelli, Giuseppe Longo, ha spiegato: "Medici che si stanno assentando in maniera volontaria non ce ne sono, ma stiamo pagando un prezzo forte perché molti dei nostri operatori sono risultati positivi. Come direttore generale, per capire se potesse riguardar altre figure dell'azienda, ho detto agli uffici di poter verificare ogni singola assenza, ma dobbiamo ricordare che dietro le assenze ci sono certificati di medici che dichiarano lo stato di malattia dei nostri dipendenti". "Non diamo grossa importanza a questa disputa di tipo tecnico-scientifico; ognuno sta mettendo la propria forza, il proprio impegno per contrastare il contagio. Coglierei più l'aspetto degli sforzi e - ha aggiunto - non soffermarmi sui momenti di contrasti che fanno parte nella dialettica di uno sviluppo di azioni che caratterizza questo momento".

Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco partenopeo, Luigi de Magistris, a Omnibus su La7: "Per me, chi abbandona il campo di battaglia va licenziato. Questa è una guerra in cui molti soldati stanno combattendo in prima linea senza elmetto, senza giubba e senza armi. Questi sono i nostri eroi, poi ci sono i vigliacchi che scappano".