Covid-19, Ue non vuole rinnovare contratti Astrazeneca e J&J in 2022 - Stampa

·1 minuto per la lettura
Bandiere dell'Unione europea davanti alla sede della Comissione Ue

MILANO (Reuters) - La Commissione Ue ha deciso, in accordo con molti dei paesi membri, di non rinnovare l'anno prossimo i contratti per i vaccini Covid a vettore virale come quelli di Astrazeneca e Johnson & Johnson per puntare su quelli a Rna messaggero come Pfizer e Moderna.

Lo scrive la Stampa citando una fonte del ministero della Salute.

Tra i vaccini che sarebbero penalizzati da questa decisione, scrive la Stampa, anche il russo Sputnik V e quello 'made in Italy' Reithera.

Un portavoce della Commissione ha dichiarato che tutte le opzioni sono aperte per prepararsi alla prossima fase della pandemia per il 2022 e oltre.

"Non possiamo, tuttavia, commentare su questioni contrattuali", ha aggiunto.

Il ministero della Salute non ha commentato.

Ieri le autorità sanitarie degli Stati Uniti hanno raccomandato una pausa nell'uso del vaccino monodose contro il Covid-19 di Johnson & Johnson dopo che sei persone hanno sviluppato una rara sindrome che comprende episodi di trombosi dopo la somministrazione.

(Gianluca Semeraro, in redazione a Milano Maria Pia Quaglia)