Covid-19, variante Omicron ora largamente dominante in Italia - Iss

·1 minuto per la lettura
Una fila di persone in attesa di ricevere una dose di richiamo contro il Covid-19 presso un centro di vaccinazione a Roma

MILANO (Reuters) - La variante Omicron del Covid-19 è ora largamente dominante in Italia, secondo la stima di un'indagine rapida condotta il 3 gennaio dall'Istituto superiore di Sanità (Iss).

L'indagine precedente del 20 dicembre dava Omicron al 28% dei casi.

"In Italia il 3 gennaio, la variante Omicron era predominante, con una prevalenza stimata dell'81%, mentre Delta era al 19% del campione esaminato", si legge in una nota dell'Iss.

L'analisi si basa su 2.632 tamponi testati in 120 laboratori, raccolti in tutte le 21 regioni e province autonome italiane.

L'Italia, il primo paese occidentale ad essere colpito dalla pandemia di coronavirus due anni fa, ha visto aumentare le nuove infezioni e i decessi nelle ultime settimane.

Ieri ha riportato 184.615 casi di Covid-19, contro i 196.224 del giorno prima, mentre il numero di morti è salito a 316 da 313.

Il paese ha registrato 140.188 decessi legati al Covid-19 da quando il primo focolaio è emerso nel febbraio 2020, posizionandosi al secondo posto per numero di morti in Europa dopo la Gran Bretagna e al nono nel mondo. Sono 8,15 milioni i casi registrati fino a oggi.

(Emilio Parodi, in redazione a Milano Claudia Cristoferi, Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli