Covid-19, Velotti (Sapienza): rischio "pandemia comportamentale"

Lcp

Roma, 26 mar. (askanews) - L'emergenza sanitaria globale innescata dalla diffusione del Coronavirus e le conseguenti limitazioni alla vita individuale e collettiva riverberano in modo importante sulla sfera piscologica ed emotiva delle persone e quindi sulla società. L'emergenza sanitaria diventa anche emergenza psicologica, cui cercano di far fronte anche il Consiglio nazionale dell'ordine degli psicologi così come la Società Psicoanalitica Italiana che hanno messo a disposizione della popolazione servizi di ascolto e supporto gratuiti.

Un effetto indiretto dell'epidemia globale che Patrizia Velotti, professore associato di Psicologia clinica alla Sapienza Università di Roma e coordinatrice di uno studio internazionale sull'impatto psicologico del Covid-19, definisce "pandemia comportamentale".

"Le pandemie danneggiano gli individui e le società a diversi livelli causando cambiamenti radicali nelle abitudini di vita. Sul piano individuale insorgono comportamenti legati all'ansia, disturbi del sonno e una generale percezione di malessere che caratterizzano la fase dell'epidemia. Ovviamente tutti questi fenomeni impattano diversamente a seconda dello stato di salute precedente all'epidemia stessa. Allo stesso tempo, sul piano sociale si evidenziano diversi esiti. Una delle prime conseguenze - spiega Velotti ad askanews - è la stigmatizzazione delle persone colpite (si pensi allo stigma sociale relativo ai cinesi nella prima fase di questa pandemia). Vi è inoltre l'emergere di preoccupazioni che attivano una spirale di comportamenti che incidono prevalentemente sulle attività economiche (acquisto, vendita, scambi, ecc.). Tutto ciò - sottolinea la psicologa - incrementa la sensazione di panico preesistente connessa alle minacce di pandemia e destabilizza ulteriormente le persone che persistono nella messa in atto di comportamenti prevalentemente orientati al ritiro sociale. Tali comportamenti favoriscono l'accrescersi della crisi economica. Questa situazione - prosegue Velotti - potrebbe essere intesa come una 'pandemia comportamentale', caratterizzata dal dilagare di comportamenti disfunzionali rispetto alla ripresa, un effetto indiretto dell'epidemia globale, connessa con la salute emotiva e comportamentale delle persone colpite e delle loro società".

Aspetti che la ricerca coordinata dalla professoressa Velotti - "SPQR - Support People against Quarantine Risks-An international study on the psychological impact of COVID 19" - intende approfondire, attingendo alle informazioni raccolte attraverso la diffusione di un questionario (disponibile sul sito Sapienza https://www.uniroma1.it/it/notizia/unindagine-sugli-effetti-psicol ogici-dellisolamento-durante-la-pandemia-covid-19-partecipa) rivolto a tutti i soggetti maggiorenni che si trovano oggi a vivere in contesti sottoposti a forti limitazioni per arginare la diffusione del contagio. Una situazione che oggi si calcola interessi quasi tre miliardi di persone nel mondo.

(segue)