Covid-19, violenze a Milano e Torino: teppisti tra i manifestanti

·1 minuto per la lettura
Covid-19, violenze a Milano e Torino: teppisti tra i manifestanti
Covid-19, violenze a Milano e Torino: teppisti tra i manifestanti

Milano, 27 ott. (askanews) – Corre sul web la voce dell’indignazione e del dissenso di una certa parte dell’Italia che protesta contro i nuovi provvedimenti di restrizione, voluti dal governo Conte, per cercare di contenere il dilagare del contagio dal Sars-Cov2.

E, di certo, almeno quella vista in queste immagini girate a Torino e a Milano e postate su Twitter da diversi utenti è la parte più violenta e meno ragionevole, forse addirittura una parte che c’entra poco o niente con le categorie più colpite dal Dpcm del 24 ottobre 2020; piccoli imprenditori, titolari di bar e ristoranti su tutti, messi in crisi dalle chiusure anticipate.

A Torino la protesta, nata pacificamente, dopo l’infiltrazione di frange oltranziste, veri e propri teppisti, si è trasformata in saccheggi e violenza gratuita.

Non è andata meglio a Milano dove, al grido di “libertà” centinaia di persone hanno marciato fino alla sede della Regione Lombardia, lanciando fumogeni e molotov contro la polizia locale.

Il bilancio di questa notte di follia è di diverse persone fermate, tra cui alcuni minorenni, per le quali si valuta anche l’accusa di “devastazione” e di alcuni agenti feriti durante le colluttazioni.