Covid-19, zoo della capitale non consente l'ingresso a quattro turisti provenienti dalla Sardegna

·1 minuto per la lettura
Coronavirus, Bioparco di Roma vieta l’ingresso a una famiglia sarda
Coronavirus, Bioparco di Roma vieta l’ingresso a una famiglia sarda

In visita nella Capitale, una famiglia di Sanluri, nel sud della Sardegna, si è vista vietare l’ingresso al Bioparco di Roma. Il motivo? Il fatto di provenire dalla Sardegna. Prima dell’ingresso, infatti, ai turisti in questione è stato sottoposto un modulo di autocertificazione dal quale si evince che chi è stato negli ultimi 14 giorni in Croazia, Grecia, Malta e Spagna o Sardegna non può entrare nel giardino zoologico.

Vietato l’ingresso a una famiglia

In base a quanto riportato da La Nuova Sardegna, una famiglia si è vista vietare l’ingresso presso il Bioparco di Roma in quanto provenienti dalla Sardegna. Come raccontato al quotidiano da Agostina Mancosu, protagonista della vicenda, erano in fila davanti alla biglietteria, quando sono stati invitati a compare i tagliandi online. La donna, quindi, ringrazia. A quel punto “un addetto ha riconosciuto l’accento sardo e mi ha detto che avrebbe dovuto informare un superiore della nostra presenza”.

Alla famiglia viene quindi sottoposto un modulo dal quale si evince il divieto di ingresso per chi è stato in Croazia, Grecia, Malta e Spagna o Sardegna negli ultimi 14 giorni. Inutili le proteste della donna, che ha sottolineato come non ci fosse alcuna norma del genere.

“Mi sono lamentata — ha spiegato Agostina Mancosu a La Nuova Sardegna— ho fatto presente che non esiste alcuna norma di questo tipo e ho anche chiesto se per caso non fossero stati loro ad aggiungere il divieto per chi arriva dalla Sardegna”. Alla fine “L’unica risposta che ho ottenuto è che loro dovevano fare di tutto per proteggere la salute dei visitatori, ma anche degli animali”.