Covid: 90enni bloccati a casa con figlia in clinica, da Ordine Malta iPad per farli 'incontrare'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 22 apr. (Adnkronos) – Novantasei anni lui, novantaquattro lei: Osvaldo e Luisa, coppia milanese insieme da settant’anni, da quando è esplosa la pandemia sono bloccati in casa con una figlia invalida in una clinica specializzata. Per tutti questi mesi non avrebbero potuto vedere la figlia se non fosse stato per l’Ordine di Malta che ha donato loro degli iPad per farli ‘incontrare’.

“La coppia – racconta all’Adnkronos Niccolò d’Aquino di Caramanico, direttore di ‘Orma’, la principale rivista dell’Ordine di Malta – negli anni non è stata più in grado di assistere la figlia che ad un certo punto è stata portata in una clinica specializzata”. Quindi la pandemia con l’impossibilità per i due anziani genitori di andare a trovare la figlia invalida. I volontari dell’Ordine di Malta, come racconta Niccolò d’Aquino, hanno in un certo senso accorciato le distanze regalando loro degli iPad. In questo modo ogni giorno i genitori anziani si tengono in contatto con la figlia.

Nel report stilato dal delegato dell’Ordine di Malta per la Lombardia sono tante le storie che raccontano di come i volontari dell’Ordine di Malta in tutto questo tempo di pandemia non si risparmiano. Nel piazzale della chiesa multietnica di Milano è stato allestito anche un ospedale da campo. “Tra gli ultimi – racconta Niccolò d’Aquino di Caramanico – ci sono di certo quei lavoratori stranieri, sempre più indispensabili sia nel supporto domestico alle famiglie italiane sia nelle aziende, fabbriche e industrie: spesso non hanno accesso o lo hanno molto limitato alle cure sanitarie. Così, a Milano, sul sagrato di una chiesa dove si celebrano le messe nelle lingue diverse dall’italiano è stato attivato un posto di primo ascolto medico, guidato da medici della locale Delegazione. Il progetto, ‘Maria aiuto dei migranti’ è realizzato d’intesa con la Pastorale dei migranti della Diocesi. L’immediato successo – confermato dalla fila dei fedeli in attesa, in crescita ogni domenica – ha spinto il Comune di Milano a concedere il proprio patrocinio all’iniziativa. Un ulteriore segno della validità e dell’apprezzamento del nostro lavoro”.