Covid, Abrignani (Cts): “Obbligo vaccinale per i docenti, la scuola preoccupa”

·1 minuto per la lettura
Sergio Abrignani
Sergio Abrignani

L’immunologo e membro del Comitato tecnico-scientifico Sergio Abrignani ha manifestato la necessità dell’obbligo vaccinale per i docenti e della vaccinazione degli adolescenti: trovandosi in ambienti chusi, un virus contagioso come la variante Delta può infettare molto.

Abrignani sull’obbligo vaccinale per docenti

Intervistato da Repubblica, l’esperto ha affermato che da settembre i ragazzi, che hanno una vita sociale che favorisce la diffusione dell’infezione, saranno in buona parte non vaccinati e in ambienti chiusi. Di qui la necessità di accelerare sulla loro immunizzazione perché se ricevessero il vaccino il virus non circolerebbe.

Per quanto riguarda i docenti, secondo Abrignani è necessario istituire l’obbligo di effettuare il vaccino. Un’ipotesi su cui il governo sta ancora discutendo e che potrebbe essere inserita nel decreto previsto per martedì 3 o giovedì 4 agosto.

Abrignani sull’obbligo vaccinale per docenti: atteso il decreto

Allo studio vi sono conseguenze gradualmente più pesanti in caso di rifiuto. In prima istanza l’insegnante che decide di non vaccinarsi potrebbe essere trasferito in un’altra città ed essere allontanato comunque dalle lezioni in presenza. In ultima battuta si arriverebbe alla sospensione dello stipendio.

Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi starebbe poi prevedendo delle alternative parallele che potrebbero evitare il pugno duro. Tra queste l’idea di dividere in due le classi più numerose, cosa che imporrebbe però un aumento considerevole degli insegnati da mettere a contratto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli