Covid, Abrignani "Entro fine agosto 30 mila casi al giorno"

·1 minuto per la lettura

ROMA (ITALPRESS) - "C'e' una variante super diffusiva, che prima si e' presentata nel Regno Unito e poi in Spagna e Portogallo e che di certo arrivera' anche da noi. In questa situazione non piacevole, ci fa star bene vedere che, dove il tasso di vaccinazione e' ampio, si e' protetti dalle forme gravi. Invece di morire una persona infettata ogni 50, infatti, a perdere la vita e' una su mille". Lo afferma in un'intervista al quotidiano La Repubblica Sergio Abrignani, immunologo dell'Universita' di Milano e membro del Comitato Tecnico Scientifico, spiegando che l'Italia deve osservare come vanno le cose nel Paese guidato da Boris Johnson per decidere che interventi fare qui da noi: "Soprattutto, vediamo l'impatto dei casi gravi che, per adesso, non sembrano tanti. Il Covid potrebbe diventare come un'influenza".

"Noi ci aspettiamo un po' meno protezione pero' non stiamo mollando tutto come gli inglesi e poi abbiamo molti meno casi di loro, cioe' in media un migliaio contro oltre 30mila al giorno.

Comunque, in un mese e mezzo arriveremo ai loro stessi numeri", sottolinea Abrignani.

Le vaccinazioni "sono l'unica certezza che abbiamo. Una dose protegge comunque dalla malattia grave - prosegue -. Sappiamo poi dagli studi di Israele che di fronte alla variante Delta due dosi di Pfizer proteggono meno dalla malattia lieve o asintomatica, visto che la copertura scende dal 94 al 64%, ma sono comunque efficaci contro le forme piu' pesanti, visto che le due percentuali sono rispettivamente 95 e 93%".

(ITALPRESS).

sat/red

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli