Covid, Abrignani: “Sarà come un’influenza per i vaccinati, picco a fine gennaio”

·1 minuto per la lettura
Coronavirus, Abrignani: "Obbligo vaccinale unica soluzione contro il Covid"
Coronavirus, Abrignani: "Obbligo vaccinale unica soluzione contro il Covid"

L’immunologo Sergio Abrignani ha affermato che il Covid potrebbe diventare un’infezione simile all’influenza ma soltanto per coloro che si sono vaccinati. Ha poi previsto il picco dei contagi per la fine di gennaio, quando secondo lui la curva comincerà a scendere.

Abrignani sul Covid come un’influenza

Intervistato dal Corriere della Sera, l’esperto ha rigettato l’idea per cui il coronavirus sia diventato come un raffreddore (“Non scherziamo, il virus del raffreddore non uccide“) ammettendo che probabilmente potrebbe diventare simile ad un’influenza. Questo avverrebbe però solo per chi ha effettuato il vaccino, per i quali prendere il Covid potrebbe essere come prendere l’influenza che infetta ogni inverno milioni di persone che è letale in circa lo 0,1% (1 per 1.000) dei casi ed è pericolosa soprattutto per gli ultra 70enni con patologie croniche importanti..

Abrignani sul Covid come un’influenza e sul picco dei contagi

Abrignani si è poi espresso sulla situazione epidemiologica italiana affermando che il picco dei contagi dovrebbe essere vissuto a fine gennaio, quando questi dovrebbero iniziare a scendere. Quanto infine al ripensamento sulla politica di contenimento avanzato da diversi scienziati occidentali, ha spiegato che Spagna, Portogallo e Gran Bretagna stanno andando verso questa direzione razionalizzando la possibilità di un ritorno ad una nuova normalità di vita con meno restrizioni e un certo numero accettabile di morti. La sua domanda è se l’Italia è pronta a “tollerare 3-4 mila decessi per Covid al mese per 4-5 mesi l’anno in cambio di una vita di nuovo normale“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli