Covid: Aifa, 1 morto per sindrome da perdita capillare dopo AZ

·1 minuto per la lettura
featured 1397466
featured 1397466

Milano, 23 giu. (Adnkronos Salute) – "Nei primi giorni successivi alla vaccinazione con Vaxzevria*", il vaccino anti-Covid di AstraZeneca, "sono stati segnalati casi molto rari di sindrome da perdita capillare" o Cls. "In alcuni casi era presente una storia clinica di Cls. E' stato riportato un caso con esito fatale". Pertanto "Vaxzevria è attualmente controindicato nei soggetti che in precedenza hanno presentato episodi di Cls". Lo sottolinea l'Agenzia italiana del farmaco Aifa, aggiornando gli operatori sanitari sul vaccino anglo-svedese e in particolare "sui punti emersi dalla valutazione del rischio di insorgenza" della sindrome "dopo vaccinazione" con il prodotto.

"La sindrome da perdita capillare – spiega l'ente regolatorio nazionale – è caratterizzata da episodi acuti di edema che colpiscono principalmente gli arti, ipotensione, emoconcentrazione e ipoalbuminemia. I pazienti con un episodio acuto di Cls in seguito alla vaccinazione necessitano di rapida diagnosi e trattamento. Di solito è necessaria una terapia intensiva di supporto". L'Aifa evidenzia che "il Riassunto delle caratteristiche del prodotto di Vaxzevria (Rcp) è in corso di aggiornamento per l'aggiunta di queste informazioni".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli